Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Home Page: Autori: Daniele Rosati

Gli Autori della Rivista: Daniele Rosati


 
Gli articoli di  Daniele Rosati (7)


L’assistente Capo Mirko Gori torna sul ring a 42 anni
L’Assistente Capo di Polizia Penitenziaria Mirko Gori in forza alla C.R. Spoleto e iscritto Sappe, sale nuovamente sul ring a 42 anni dopo 3 anni di inattività. Ortanova Foggia, 9 luglio 2016 il plurititolato Mirko Gori sale sul ring per sfidare in primis se stesso. L&rsquo...
Leggi tutto


 

La legge è uguale per tutti! Saldi! Sconti! Tagli! Evviva L’ITALIA ipocrita! Evviva l’Europa delle banche!
Con il d.l. 92/2014 il Governo Italiano ha istituito a titolo un risarcimento speciale nei confronti dei detenuti ed internati che sono stati ristretti in istituti sovraffollati dove, a causa del sovraffollamento, sono stati violati i requisiti minimi previsti dalla CEDU rispetto allo spazio...
Leggi tutto


 

Visita aliena al carcere di Perugia
Mentre gli americani sbarcavano su Marte con Curiosity, anche noi abbiamo ricevuto una visita aliena : il 31 agosto 2012 a Perugia è arrivato, nientepòpòdimenoche, il Direttore Generale del Personale. Parlare di una voce fuori dal coro è un eufemism...
Leggi tutto


 

Dov'è la sicurezza sul posto di lavoro della Polizia Penitenziaria?
Aggressioni, mancanza di tutela sul posto di lavoro per insufficienti forze, insalubrità dei luoghi di lavoro dovute alla carenza di fondi da destinare alle pulizie ed al ripristino delle condizioni di vivibilità dei luoghi di lavoro. Basta Slogan, serve pragmatismo, coerenz...
Leggi tutto


 

Il caso Bianzino. Chi difende i difensori ?
Lunedì 23 Gennaio 2012 si è recitata una nuova puntata del processo Bianzino, alla sbarra il Poliziotto Penitenziario accusato di omissione di soccorso, falso ideologico.  Ho ascoltato l’interrogatorio su radio radicale e sono rimasto veramente interdetto a sentir...
Leggi tutto


 

Abbiamo bisogno di una società più responsabile e cosciente.
 In un sistema assistenzialistico come quello Italiano è molto difficile accettare forme più dinamiche di lavoro, quando per anni nell’immaginario comune delle persone il posto fisso ha rappresentato un obbiettivo da raggiungere.