www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/09/2011  -  stampato il 04/12/2016


Lettera aperta della senatrice Urbani:La pena deve essere un'occasione di recupero sociale

Si è aperto in Senato un dibattito sul sovraffollamento delle carceri. Dal Ministro abbiamo appreso che più del 40% di esso è composto da detenuti comuni o in attesa di giudizio. Sono intervenuta nel dibattito descrivendo soprattutto le criticità della situazione che ho constatato personalmente visitando le strutture carcerarie umbre. Nell'agosto scorso, sono stata al carcere di Baiano di Spoleto, dove solo la grande professionalità degli uomini della polizia penitenziaria ed il loro spirito di sacrificio, malgrado organici sottodimensionati, consentono risposte adeguate al sovraffollamento di delinquenti comuni e alle necessità dei detenuti in regime di "41 bis".
La Costituzione affida alla pena il compito di essere occasione di recupero sociale e di riscatto individuale, ma questo è difficile che possa realizzarsi nelle condizioni in cui versano attualmente tutti gli istituti penitenziari.
Si richiede, dunque, la messa in campo di un ventaglio articolato di misure, a partire da una intelligente depenalizzazione, da un uso rigoroso della carcerazione preventiva rispettoso delle norme, dalla realizzazione di nuove strutture carcerarie e dall'indispensabile assunzione di altri agenti di polizia penitenziaria.
La riforma carceraria è strettamente legata alla riforma della giustizia: ci vogliono processi più veloci e un limite all'uso delle carcerazioni preventive. Ma tutto questo richiede tempo, nell'immediato, occorre trovare alternative sicure al carcere .
Ma indispensabile è puntare sulla prevenzione sia per migliorare la qualità della vita e la sicurezza dei cittadini, vedi l'ultimo fatto di sangue di Perugia, sia perché costa sicuramente meno prevenire che costruire carceri in previsione di una delinquenza in aumento.
In definitiva occorre pensare alla prigione come all'ultima (e non certo ambita) "spiaggia"


fonte : Spoletonline