www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/11/2011  -  stampato il 08/12/2016


Ionta: stiamo lavorando per un gruppo di lavoro sui suicidi tra i poliziotti penitenziari

"Stiamo costituendo un gruppo di lavoro sul tema dei suicidi in carcere, sia dei detenuti sia degli agenti dipolizia penitenziaria". Il capo del Dap, il Dipartimento amministrazione penitenziaria, Franco Ionta lo annuncia intervenendo al convegno nazionale sulle carceri e le misure penali alternative, organizzato dal Seac, il coordinamento degli enti e associazioni del volontariato penitenziario, all'Istituto 'Suore di Maria Bambina' di Roma.

"Non mi consolano le statistiche, ne' quelle assolute ne' quelle comparative - premette Ionta -anche quando mettono in luce che la situazione italiana nell'insieme non e'cosi' drammatica, almeno se paragonata a quella degli altri Paesi europei. Ma anche una sola morte all'interno del sistema penitenziario va considerata come una sconfitta per tutti". In ogni caso, il gruppo fara' anche uno studio comparativo rispetto ad altre forze di polizia e un confronto con i dati degli strutture straniere.

L'obiettivo dichiarato e' di "intercettare il disagio della polizia penitenziaria da un lato e dei detenuti dall'altro, attraverso uno strumento di sostegno e di accompagnamento, facendo in modo che in forma riservata possano essere avvicinati da soggetti professionali che possano migliorare le loro condizioni psicologiche. E' un progetto ambizioso - sottolinea il capo del Dap - cui do molta importanza e che credo possa essere non solo uno studio ma anche e soprattutto un modello operativo".

(Adnkronos)