www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/12/2011  -  stampato il 09/12/2016


Quattro ex detenuti minacciano un imprenditore. Ad aiutarli anche un poliziotto penitenziario

Volevano vendicarsi di un ex compagno di carcere - un imprenditore della provincia di Siena - che, secondo la loro ricostruzione, li aveva truffati facendosi prestare 400 mila euro per investimenti mai realizzati. Per ritrovarlo, anni dopo, si sarebbero fatti aiutare da un poliziotto penitenziario del carcere di Rebibbia, che adesso è stata interdetta dal lavoro su richiesta della Dda di Firenze.

Le indagini iniziarono da una serie di avvertimenti subiti nel 2008 dall'imprenditore, come gli incendi di un appartamento e dell'auto, il furto di una Porsche Cayenne e un tentativo di rapimento. Secondo quanto ricostruito dalla procura fiorentina, la vicenda sarebbe maturata in un contesto vicino alla 'ndrangheta. Autori delle intimidazioni sarebbero stati quattro ex compagni di carcere dell'imprenditore che, ritenendosi truffati, stavano cercando di recuperare i soldi prestati. L'obiettivo non sarebbe stato però raggiunto, anche perchè l'imprenditore era riuscito a far perdere le proprie tracce. Tempo dopo, venendo a sapere che l'imprenditore era stato di nuovo arrestato, i quattro si sarebbero rivolti alla guardia penitenziaria per scoprire in quale carcere fosse stato rinchiuso, in modo da poter 'regolare' i conti.

firenze.repubblica.it