www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/12/2011  -  stampato il 04/12/2016


Ancona Montacuto: Idv, "reintegro Direttrice e Comandante"

Esprimiamo grande soddisfazione per l’esito positivo con cui si è conclusa la vicenda del carcere di Montacuto che l’Italia dei Valori ha seguito da vicino.

Dopo la nostra visita al carcere e il colloquio con il ministro della giustizia Paola Severino per chiedere un suo intervento, sono stati reintegrati la direttrice del carcere, Santa Lebboroni e il comandante della polizia penitenziaria, Gerardo d’Errico. Il nostro intervento è servito per porre rimedio ad una situazione di palese ingiustizia emersa anche dal colloquio con gli agenti penitenziari che, durante il nostro incontro a Montacuto, si erano dimostrati solidali con i loro superiori ritenendo che avessero agito nel migliore dei modi per risolvere una piccola protesta ad opera di pochi detenuti.

Nonostante la vittoria per il reintegro di Lebboroni e d’Errico, noi dell’Italia dei Valori siamo convinti che il percorso non sia ancora concluso: ora bisogna al più presto risolvere la situazione precaria e di scarsità di mezzi e personale in cui l’amministrazione centrale costringe a lavorare la Polizia penitenziaria. Basti pensare che ci sono 440 detenuti a fronte di 130 agenti effettivi, 180 se si considerano i 50 in più che risultano attivi, ma che, in realtà, sono distaccati in altre sedi. Questi numeri acquistano valore se si pensa che, come sostenuto dal personale, dovrebbero esserci circa 200 agenti per 180 detenuti.

Riteniamo infatti che la piccola protesta dei detenuti di qualche giorno fa non sia in alcun modo ascrivibile alla direttrice Lebboroni e a Gerardo d’Errico, ma solo ed esclusivamente al Governo Berlusconi e al Ministero della Giustizia che fa mancare da anni personale e fondi persino per i beni di prima necessità. Impressionante lo stato di degrado che abbiamo potuto constatare con i nostri occhi dai bagni, ai corridoi alle celle. Serve un immediato intervento sulle penose condizioni generali in cui versa il carecere di Montacuto.

www.vivereancona.it