www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/01/2012  -  stampato il 10/12/2016


Il nuovo carcere di Cagliari Uta non sarÓ pronto priam del 2013

''Il nuovo carcere di Cagliari, in fase di realizzazione nel territorio del Comune di Uta difficilmente potra' essere reso agibile prima del 2013. Oltre al completamento delle opere murarie sono infatti da realizzare quelle fognarie, idriche, viarie e della depurazione.

Mancano inoltre le strutture per l'accoglienza degli operatori penitenziari e dei familiari dei detenuti. Tutto cio' senza che ancora sia stata indetta una conferenza dei servizi''. Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente dell'associazione ''Socialismo Diritti Riforme'' aggiungendo che ''e' assurdo continuare a gestire un'opera di queste dimensioni con la secretazione degli atti com'e' avvenuto per la fase di assegnazione del bando alle imprese''. ''L'unica conferenza di servizi che ha visto coinvolta l'amministrazione comunale e il Ministero delle Infrastrutture con la partecipazione della Regione e del Prefetto - ricorda Caligaris - e' avvenuta nel 2005. In quella circostanza furono definite le condizioni di lavoro e fu fissata la data di cinque anni per la consegna dell'opera. L'unico intoppo iniziale sembrava essere rappresentato dalla Soprintendenza archeologica che invece in tempi rapidi forni' il nulla osta consentendo l'avvio delle opere".

"I tempi di realizzazione della struttura pero' piu' volte sono slittati - continua Caligaris - e ancora non sono definiti. Nel cartello esterno al cantiere infatti non e' piu' indicata la data di consegna dell'opera. Nel frattempo le promesse di impiego di lavoratori di Uta non sono state mantenute e finora solo qualche operaio e' stato impegnato. Cio' ha provocato un malcontento che ha indotto l'amministrazione a interrompere le relazioni con il Ministero delle Infrastrutture''.

''Anche le periodiche rivendicazioni degli operai per il mancato pagamento degli stipendi in tempo utile - prosegue la Caligaris - fanno ritenere che i lavori proseguano a ritmi ridotti ma sono soprattutto le continue e costanti rassicurazioni dell'imminente consegna dell'opera a far ritenere fondata l'ipotesi di un'apertura non prima del 2013. La lievitazione dei costi degli impianti, l'assenza di un progetto per rafforzare l'organico degli Agenti di Polizia Penitenziaria, la totale assenza di iniziative per trasformare il territorio in cui sta sorgendo in un luogo salubre e praticabile con i mezzi pubblici non depongono a favore di un rapido funzionamento del piu' importante Istituto di Pena della Sardegna''.

''Non convince neanche l'ipotesi di aprire, in una fase iniziale, solo il settore di 100 posti destinato ai detenuti pericolosi utilizzando un apposito reparto di personale della Polizia Penitenziaria con un ulteriore aggravio di costi. Occorrono infatti - conclude Caligaris - delle condizioni oggettive per attivare una struttura di grandi dimensioni che non possono essere derogate. Ecco perche' una conferenza di servizi diventa una modalita' concreta per permettere a un Istituto di Pena realizzato con milioni di euro di finanziamenti pubblici di funzionare e di farlo al meglio''.

Adnkronos