www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/05/2010  -  stampato il 07/12/2016


Coppa dei Campioni, un debutto in salita

Sarà l’impianto di Villa Real de Santo Antonio, in Portogallo, ad ospitare le atlete delle Fiamme Azzurre per il loro impegno nella Coppa dei Campioni per club (29/30 maggio).
Per la squadra femminile delle Fiamme Azzurre si tratta dell’esordio assoluto nella manifestazione, frutto del diritto acquisito con la vittoria nel Top Challenge di Pescara 2009. I primi reclutamenti delle donne nell’atletica targata Polizia penitenziaria risalgono al 1998: e di quel periodo pionieristico resta in organico ancora Rossella Giordano. Peraltro, solo nel 2006 si prese la decisione di iscrivere per la prima volta una formazione completa al Campionato di Società assoluto: un’esperienza conclusa con la vittoria nella finale A2 di Caorle. Nel palmarèes del Gruppo Sportivo, d’altronde, già comparivano 4 scudetti e altrettante partecipazioni in Coppa dei Campioni della squadra maschile - ’92, ’94, ’95 e ’97 – segnate dai secondi posti di Malaga ’94 e Vila Real de Santo Antonio ’95 e dal terzo di Mosca ’97.
La forza delle Fiamme Azzurre, pur con organici molto ridotti (intorno alle 20 unità), è sostanzialmente nella compattezza della squadra femminile: ma proprio nella stagione del debutto continentale, le assenze forzate di alcuni elementi tecnicamente e tatticamente importanti – Vincenza Calì, Cecilia Ricali e, da ultimo, Lorenza Canali – hanno messo in difficoltà il direttore tecnico delle Fiamme Azzurre, Giuliano Baccani. Per completare la formazione, si è così deciso di coinvolgere in qualità di prestiti alcune interessanti atlete della categoria juniores (Valentina Zappa, Giulia Riva e Giulia Latini), oltre alla velocista azzurra Doris Tomasini.
Toccherà però al gruppo “storico”, guidato dalla “capitana” Chiara Rosa sostenere l’impatto con le otto più forti squadre europee: oltre alle nostre ragazze, infatti concorreranno in Algarve le russe del Luch Mosca, le spagnole del Valencia Tera i Mar (lo scorso anno la nostra spedizione del judo sconfisse gli uomini nella omologa competizione proprio a Valencia), le ceche dell’USK Praga, le padrone di casa dello Sporting Clube, le turche del Fenerbahce, le slovacche dello Spartak Dubnica e le francesi del Montreuil.
In una situazione d’emergenza come quella contingente, l’obiettivo principale sarà quello di mantenere le posizioni e conquistare almeno il 6° posto, evitando così la retrocessione nella finale B nel prossimo anno. Rispetto alle ambizioni iniziali si tratta di un target “minimalista”, ma assolutamente rispondente alla realtà dei fatti: anche perché le formazioni rivali potranno rinforzarsi a piacimento con l’ingaggio di numerosi assi – anche stranieri – dell’atletica mondiale.
Intanto il line-up di partenza delle Fiamme Azzurre è già stato delineato da Giuliano Baccani: nella prima giornata gareggeranno Audrey Alloh (100m), Valentina Zappa (400m), Daniela Reina (800m), Anna Incerti (3000m), Valeria Roffino (3000st), Giulia Latini (400hs), Tatiane Carne (asta), Eleonora D’Elicio (triplo), Laura Bordignon (disco) e Zahra Bani (giavellotto), mentre il quartetto della 4x100m dovrebbe essere composto da Daniela Bellanova-Giulia Riva-Doris Tomasini e Audrey Alloh. Nella seconda giornata saranno invece schierate: ancora la Alloh (200m), la Roffino (1500m) e la Incerti (5000m) e poi Elisa Bettini (100hs), Elena Brambilla (alto), Teresa Di Loreto (lungo), Chiara Rosa (peso), Laura Gibilisco (martello) e una 4x400m composta da Zappa, Latini, Tomasini e Reina.

Ecco, nel frattempo, una veloce carellata degli ultimi risultati conseguiti dai nostri portacolori (in particolare nella prima fase dei Societari, il 15 e 16 maggio nelle varie sedi regionali): 
Doha 14 maggio - giavellotto: (5) Zahra Bani 57.29 
Fabriano 15 maggio – 400m: (1) Daniela Reina 54”56 
Firenze 15 maggio – 100m: (1) Audrey Alloh 11”90 (-0.1) 
Imperia 15 maggio: 1500m: (3) Martina Rosati 4’49”14 
Marcon 15 maggio – 3000st: (2) berardino Chiarelli 9’06”54 
Roma 15 maggio - martello: (2) Laura Gibilisco 60.00; marcia 5km: (1) Rossella Giordano 23’11”65 
Torino 15 maggio – 100m: (6) Giovanni Mulassano (skeleton) 11”43 (-0.7); 5000m: (5) Charlotte Bonin (triathlon) 18’09”31 
Firenze 16 maggio – 200m: (3) Audrey Alloh 24”67 (0.0) 
Gorizia 16 maggio – triplo: (1) Paolo Camossi (tecnico) 15.54 (+0.2) 
Imola 16 maggio – alto: (1) Giulio Ciotti 2.16 
Oristano 16 maggio: giavellotto: (1) Zahra Bani 55.04 
Roma 16 maggio – lungo: (1) Laura Gatto 6.02 (+1.9), (2) Teresa Di Loreto 5.94 (+2.0); disco: (1) Laura Bordignon 54.28 
Gavardo 22 maggio – 3000m: (8) Valeria Roffino 9’59”92; lungo: (2) Valeria Canella 6.16 (+1.5); peso: (1) Chiara Rosa 16.68 
Rehlingen 24 maggio – alto: (4) Elena Brambilla 1.84

Fonte: polizia-penitenziaria.it