www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/01/2012  -  stampato il 05/12/2016


Agente penitenziario assolto dopo 19 anni da accusa di calunnia ad un Carabiniere

Assolto perché il fatto non sussiste. Diciannove anni dopo. Il reato era prescritto da tempo, eppure l'agente di Polizia Penitenziaria che si era visto appioppare un anno di galera per calunnia nei confronti dei carabinieri che lo avevano fermato a un posto di blocco, ha voluto, chiesto e preteso una decisione nel merito.

Così ha impugnato la sentenza di condanna fino a che la Cassazione non l'ha annullata, ha affrontato un nuovo processo, a Sassari, e finalmente, ieri, l'ha spuntata. Assoluzione. Quindi: non voleva accusare falsamente i carabinieri di percosse e ingiurie, li ha denunciati perché era fermamente convinto che i militari dell'Arma lo avessero riempito di botte apostrofandolo con frasi tipo «pastore con la divisa, puzzi come una capra».

www.unionesarda.it