www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/01/2012  -  stampato il 02/12/2016


Cuneo: assolto agente di Polizia Penitenziaria che si era assentato per malattia

Diego Iapichino, agente di polizia penitenziaria al carcere di Cuneo, è stato assolto nel processo, perché il fatto non sussiste, che lo vedeva imputato per essersi rifiutato di compiere atti d'ufficio. Nell'agosto del 2009 aveva chiesto di restare a casa per assistere un parente stretto. Permesso che gli era stato concesso ma poi gli fu negato il rinnovo del «congedo straordinario» per altri sette giorni. Poche ore dopo, Iapichino aveva presentato un certificato medico (per una lombosciatalgia) e si era messo in malattia.

Il pm Pier Attilio Stea, aveva chiesto per lui la condanna a nove mesi di reclusione perché si sarebbe volontariamente sottratto al suo dovere, mettendo così in difficoltà i colleghi e abbassato il livello di sicurezza del carcere.

Il difensore di Iapichino, l'avvocato Enrico Gallo“Il medico che lo controllò disse che c'era uno stato di malattia non simulato né simulabile, che aveva superato la sua domanda di assistenza famigliare. I documenti comprovanti li aveva poi mandati”.