www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/01/2012  -  stampato il 09/12/2016


Tribunale di Gallipoli: Polizia Penitenziaria non riesce a fare manovra, Presidente cita il Comune

Parcheggio selvaggio nell'atrio posteriore della sede del Tribunale, e il presidente della sezione staccata del Palazzo di giustizia sbotta. E chiede subito l'intervento del Comune. Chiamato in causa, in senso figurato ovviamente, in quanto l'area retrostante la sede giudiziaria di piazza Malta e via Genuino, così come l'immobile, sono di proprietà e di competenza comunale. E arrivano subito i correttivi per regolamentare l'accesso e la sosta nello spazio recintato e per impedire il congestionamento della zona occupata anche da auto e mezzi non autorizzati e riconducibili all'attività di servizio giudiziario. Una situazione che a quanto pare è giunta ormai al limite della sopportazione, atteso che nei giorni scorsi il presidente della sezione distaccata del tribunale gallipolino, il giudice Antonio Bono, ha preso carta e penna e segnalato tutte le difficoltà che si vengono a creare nel piazzale retrostante il palazzo di giustizia, accessibile da via Genuino varcando una cancellata perennemente aperta.

In linea di principio, essendo quel piazzale recintato e di deducibile pertinenza del Tribunale, la sosta dovrebbe essere solitamente riservata per il parcheggio del personale dipendente, dei giudici e funzionari, e per i mezzi della polizia giudiziaria e penitenziaria. Di fatto, da quanto lamenta il presidente del tribunale, gli spazi interni del piazzale vengono occupati anche e sistematicamente da vetture i cui proprietari no appartengono alla struttura giudiziaria o alle forze di polizia. Il che, in alcuni giorni, determina non poche difficoltà di manovra, di accesso e di sicurezza soprattutto per i mezzi della polizia penitenziaria che trasportano magari detenuti che devono presenziare alle udienze. Da qui il monito alle autorità comunali per una più accurata sorveglianza e per il rispetto dell'accesso al piazzale ai soli mezzi autorizzati.

Disposizione subito recepita da Palazzo Balsamo con una celere ordinanza firmata in queste ore dal comandante della Polizia municipale, il maggiore Giuseppe Parisi e con una serie di provvedimenti in itinere per dare un freno al libero accesso al piazzale, tra i quali l'istituzione del divieto di transito e di sosta nel piazzale ai mezzi non autorizzati e la distribuzione di appositi pass per il personale dipendente e gli aventi diritto. I vigili urbani intensificheranno i controlli e la sorveglianza per arginare il fenomeno del parcheggio selvaggio e le difficoltà lamentate dai vertici del Palazzo di giustizia.