www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/01/2012  -  stampato il 09/12/2016


Arresto evasa da Milano: Sappe "non intacchi progetto detenuti madri"

''E' stata arrestata questo pomeriggio a Milano, nella zona Loreto, da personale di Polizia Penitenziaria la detenuta straniera che si era allontanata dalla struttura detentiva a custodia attenuata per mamme detenute.

Sembrerebbe che stesse per lasciare l'Italia. La bimba, che era con lei, e' stata affidata al padre. L'episodio, pur grave, dell'evasione non puo' intaccare la positiva funzionalita' del progetto che consente alle madri detenute che non possono usufruire di arresti domiciliari o differimento della pena, di tenere con se i loro figli in carcere, fino all'eta' di tre anni''.

E' quanto dichiara Donato Capece, segretario generale del Sappe, Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria. ''Il carcere, anche nelle situazioni in cui sono realizzate specifiche sezioni, rimane un luogo incompatibile con le esigenze di relazione tra madre e figlio e di un corretto sviluppo psicofisico dei bambini. E in questo contesto -prosegue- in questa particolare situazione penitenziaria, deve essere messo in luce il fondamentale impegno delle donne appartenenti alla Polizia Penitenziaria che, a Milano e negli altri 15 asili nido delle carceri italiane, hanno espresso nel tempo ed esprimono quotidianamente una professionalita' ed una umanita' davvero particolari, riuscendo a conciliare perfettamente il binomio di tutori dell'ordine e della sicurezza e di operatrici del trattamento rieducativo con una particolare ed apprezzata sensibilita' umana''. 

Adnkronos