www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 15/02/2012  -  stampato il 03/12/2016


Carcere di Asti in arrivo fondi e incremento del personale di Polizia Penitenziaria

Nuove risorse per risolvere le problematiche per il penitenziario di Asti: ieri il governo ha accolto un ordine del giorno, presentato dal deputato Pd Massimo Fiorio, che lo impegna ad utilizzare gli stanziamenti economici previsti dal decreto legge “Svuota carceri” per assicurare interventi tempestivi ed urgenti alla struttura di Asti, dopo anni di emergenze e criticità irrisolte.
 
Come ho avuto modo di verificare durante una visita e denunciare attraverso alcune interrogazioni – dichiara Massimo Fiorio –, il carcere di Asti presenta gravi ed irrisolte carenze strutturali tali da pregiudicare la sicurezza e la salubrità dei luoghi e comportare gravi rischi per la conduzione della casa di reclusione e per la sicurezza di personale e detenuti”.
 
Sovraffollamento cronico, promiscuità, presenza di un numero nettamente inferiore di agenti rispetto all’organico necessario; mancanza di risorse per organizzare le attività di rieducazione sono i principali problemi che da anni riguardano la casa di reclusione. L’impegno del governo rappresenta, in questa direzione, un punto di svolta per salvaguardare le professionalità e l’operato del personale ed assicurare la dignità ai detenuti”.
 
E’ ora necessario che il governo, al contrario dei precedente, faccia seguito a questi impegni con azioni e finanziamenti concreti. Già dalle prossime settimane – conclude Massimo Fiorio – prenderò contatti con il Ministero della Giustizia e con il Dipartimento di Polizia Penitenziaria per verificare che vengano assegnate al carcere di Asti nuove risorse, sia in termini economici, che di personale”.