www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/04/2012  -  stampato il 11/12/2016


Carcere di Marsala: rischia la chiusura a causa di tagli

Lo Stato taglia i fondi ed il carcere di Marsala chiude; queste sono le voci che girano ma la chiusura non è ancora confermata. Sembra che a breve il Ministro Severino debba firmare il decreto che ufficializzerà la questione. La città ed il personale di Polizia Penitenziaria restano in attesa di una decisione da parte del Ministero. (ndr)
 
Marsala non avrà più un carcere. Prossima chiusura la casa circondariale di piazza castello. I fondi per il nuovo progetto sono stati tagliati dallo stato.
Tutti lo sanno ma nessuno si pronuncia sulla conferma della chiusura del carcere di Marsala. Di fatto non c'è ancora alcuna comunicazione ufficiale ma le indiscrezioni arriverebbero da fonti vicini al ministero che parlano di un decreto firmato dal  ministro Severino con cui si taglia una serie di nuove costruzioni penitenziarie, previste dal precedente governo.
 
Secondo il nuovo piano carceri, l'amministrazione penitenziaria provvederà ad ampliare gli istituti più capienti con nuovi padiglioni e a chiudere quelli con una disponibilità di posti limitata. Sarebbero interessati alla chiusura la casa circondariale di Marsala, di Sciacca e di Gela.
Il sindaco della città, Renzo Carini, aveva già chiesto chiarimenti al ministero, anche virtù del fatto che a Marsala era stato redatto il progetto di costruzione del nuovo carcere di c.da Cutusio, prossimo all'emanazione dei bandi per avviare i lavori. La lettera non ha avuto risposto ma per contenere la spesa lo stato ha tagliato tutti i fondi per la costruzione di nuovi carcere. Quindi il progetto non sarebbe più realizzabile. 
 
È rimasta inascoltata anche la protesta sollevata dalla locale Camera penale, presieduta dall'avvocato Diego Tranchida, e dal Consiglio dell'Ordine degli avvocati, guidato da Gianfranco Zarzana, secondo cui una città sede di Tribunale e Procura non può, infatti, rimanere senza un carcere. Ma sarebbe in discussione anche la stessa permanenza della procura che dovrebbe essere accorpata al tribunale di Trapani. 
Ed anche in questo caso rimane l'interrogativo sulla maestosa struttura che l' ex guardasigilli Alfano venne ad inaugurare nel 2007 e orami prossima al completamento dei lavori per un costo complessivo di oltre 13 milioni e 500 mila euro.
 
Telesud3.com