www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/05/2012  -  stampato il 22/08/2017


Aggressioni in carcere: a Lucca due poliziotti penitenziari con trauma cranico e contusioni al viso e arti

"Il carcere 'San Giacomo' di Lucca balza nuovamente agli onori della cronaca...annunciata. Oggi, alle 12 circa c'e' stata l'ennesima aggressione nei confronti dei Baschi Azzurri del carcere lucchese. A farne le spese un sovrintendente ed un assistente capo che sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso cittadino e ne avranno per almeno 10 giorni a testa.

Prognosi trauma cranico, contusioni al viso ed agli arti". Ne da' notizia Donato Capece, segretario Generale del Sappe, sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria. "Questa volta - riferisce capece in una nota - l'autore del fatto e' un detenuto di nazionalita' Algerina A. M., detenuto per furto aggravato che finira' la sua pena durante il corso del mese di maggio. Esempio eclatante del fallimento del nostro sistema penitenziario attuale, specie quello Toscano. A.M. dopo essere andato in escandescenza all'interno della sezione, proferendo ingiurie a chiunque tentasse di portarlo alla ragione, ha voluto dare il meglio di se colpendo all'improvviso e ripetutamente al volto il Sovrintendente della Polizia Penitenziaria, visto che poco prima non era riuscito a parlare con il Comandante del Reparto.

L'assistente accorso per contenere il facinoroso ha avuto la meglio al prezzo di 10 giorni di prognosi e contusioni agli arti". "Il carcere di Lucca - ricorda - non e' nuovo ad episodi del genere". "Cosa aspettiamo ad intervenire? - si chiede - Cosa deve accadere in Toscana ancora prima che da Roma qualcuno faccia la scelta, auspicata dai piu' a bassa voce, di sostituire il Provveditore Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria?", conclude. 

Adnkronos