www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/06/2010  -  stampato il 05/12/2016


"Marche" Fermo ospiterÓ la Festa regionale del Corpo di Polizia penitenziaria

E’ stata scelta Fermo e la sua Piazza del Popolo per ospitare, martedì 8 giugno, la Festa regionale del Corpo di Polizia penitenziaria, per il 193° anniversario della sua fondazione. Per il sindaco della città Saturnino Di Ruscio e per il presidente della Provincia Fabrizio Cesetti un segnale di attenzione verso il nuovo ente che ne consolida il ruolo a livello regionale e nazionale.Stamattina in conferenza stampa la presentazione dell’evento. Dopo i saluti di rito, Di Ruscio ha evidenziato il funzione determinante svolta dalla Polizia penitenziaria in termini di sicurezza pubblica. Da parte sua, Cesetti, che per due anni ha fatto parte del Comitato Carceri in Commissione Giustizia, ha sottolineato il compito rieducativo e riabilitativo delle strutture carcerarie.

Sovraffollamento e carenza di organico i problemi più evidenti che oggi affliggono le strutture penitenziarie, con quelle marchigiane a non fare eccezione. A fornire qualche dato sullo stato degli istituti penitenziari marchigiani il provveditore Ilse Runstemi. A fine maggio erano 1.085 i detenuti nei sette istituti penitenziari della Regione e 648 le unità di polizia penitenziaria. Tutte le strutture – quattro case circondariali e tre di reclusione – superano la capienza massima consentita.

Nel carcere di Fermo, conferma il direttore Eleonora Consoli, si è toccata la soglia di ottanta detenuti, a fronte del limite di sessanta. Del resto, a eccezione della casa di reclusione di Ancona Barcaglione, gli altri istituti marchigiani, non sono coinvolti nel Piano carceri, che prevede l’ampliamento delle strutture esistenti e la costruzione di nuove.

La cerimonia di martedì si aprirà alle 10.30 con l’arrivo delle autorità, per concludersi intorno alle 12.30. Venerdì 25 giugno a Villa Vitali si terrà il concerto della banda nazionale della Polizia penitenziaria, che per la seconda volta si esibirà in territorio marchigiano.