www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 02/06/2012  -  stampato il 10/12/2016


Morte del Carabiniere Solinas: un lutto che colpisce anche la Polizia Penitenziaria di Sanremo

“A seguito dell'appresa notizia che ha sconvolto tutti  gli operatori di polizia di ogni settore della provincia, con la presente si vuole esprimere la massima forma di cordoglio all'indirizzo di un nostro caro e stimabile amico sottufficiale dell'Arma dei Carabinieri in servizio alla compagnia di Sanremo”. E’ quanto comunica il vice regionale  C. Galluzzo del sindacato autonomo Polizia Penitenziaria della Regione Liguria in merito alla terribile scomparsa di questa mattina del brigadiere dei Carabinieri di Sanremo trovato carbonizzato questa notte in un’auto a Pian di Poma nella città matuziana.  
 
“Poichè il caro Enrico Solinas era amico fraterno di tanti poliziotti penitenziari ed era persona conosciuta con fama di carabiniere volenteroso e caparbio nell'espletamento del suo ruolo istituzionale, il Sappe - prosegue - non poteva dopo la improvvisa e anomala scomparsa, dedicare un pensiero al conosciuto militare che da anni si occupava di svolgere il proprio dovere repressivo nella città  dei fiori con altissimo senso del dovere e ottima abnegazione. Ricordiamo con orgoglio Enrico  per le varie visite, seppure brevi , che faceva nel penitenziario di Sanremo per motivi di servizio , sempre cordiale e rispettoso , persona che sapeva sacrificarsi sempre purchè i risultati fossero gratificanti e soprattutto rappresentassero un beneficio per  società. Proprio con chi scrive ( Vice regionale sappe).
 
"Avevi un rapporto di grande amicizia e reciproca stima - ricorda il vice regionale  C. Galluzzo - al pensiero che non ci rivedremo più anche e solo in quei brevi momenti tra un servizio e l'altro quando capitavi dalle nostre parti, mi crea un grosso sconforto interiore. Ci dispiace tantissimo, crediamo di poter dire che l'Arma perde un ottimo elemento, uno che apparteneva al Corpo dei Carabinieri già dalla giovane età dei 17 anni , quando occorreva la firma genitoriale per intraprendere una tale carriera.
 
Come sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria , ci auguriamo un celere risvolto alle indagini in corso,  al fine di far chiarezza su quanto è potuto accadere in questa stranissima vicenda la quale risulta essere troppo roboante in tutto l'ambiente proprio per quello che eri e sapevi trasmettere!! Il SAPPe frastornato dall'accaduto, invia il più sentito Cordoglio profondo e pieno di commozione a tutta la famiglia Solinas e in particolar modo al figlio , nonchè al Comando locale dei Carabinieri dove il povero Enrico dove da anni operava. Ciao Enrico .....rimarrai sempre nei nostri ricordi , RIPOSA IN PACE!"