www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/06/2012  -  stampato il 08/12/2016


Familiari detenuti tentano di introdurre droga in carcere Imperia: arrestati dalla Polizia Penitenziaria

Alcune dosi di eroina erano state cucite nella parte interna di un accappatoio; in un altro caso, un panetto di hashish era stato nascosto tra gli indumenti.

Sono stati denunciati per spaccio i familiari di due detenuti del carcere di Imperia, a cui la droga era destinata. La scoperta, e poi le relative indagini, è stata fatta dagli agenti della Polizia Penitenziaria che hanno il compito di ispezionare i pacchi, contengano essi generi alimentari o vestiario, prima di consegnarli agli ospiti del penitenziario.

Gli atti con le denunce sono stati inoltrati alla Procura della Repubblica di Imperia. La percentuale di tossicodipendenti tra i detenuti imperiesi oggi si attesta al 25% delle presenze: uno su quattro, dunque ha problemi di droga. Non è il primo episodio di questo tipo che si verifica a Imperia. In passato avevano cercato di far passare buste con francobolli imbevuti di Lsd ma anche in quel caso la Polizia Penitenziaria aveva svelato il trucco. 

Roberto Martinelli, segretario regionale del Sappe, sindacato di categoria degli agenti penitenziari, ribadisce la necessità di poter utilizzare anche all'interno dei penitenziari liguri le unità cinofile. La Liguria è infatti una delle poche regioni che, a livello di dipartimento penitenziario, ancora non prevede questo tipo di servizio.

edizioni.lastampa.it