www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/07/2012  -  stampato il 05/12/2016


Carcere di Como: 9 agenti penitenziari ed 1 sovrintendente sono stati feriti da un detenuto

 Nel carcere di Como un detenuto aggredisce e ferisce 9 agenti penitenziari ed un sovrintendente. Il detenuto ha reagito in modo irrazionale e violento perchè non voleva essere trasferito in un’altra cella. Il carcere in questione è stato già teatro di numerose reazioni da parte dei detenuti negli anni scorsi. (ndr)

Una violenta aggressione è stata messa in atto oggi, a mezzogiorno, presso la Casa Circondariale di Como, con un tragico bilancio per il personale di Polizia Penitenziaria: nove agenti feriti e un sovrintendente.

La violenza, l'irrazionalità e la patologia di un detenuto extracomunitario ha letteralmente messo a repentaglio l'incolumità del personale, intervenuto per bloccare il detenuto in protesta.

Il detenuto in questione era stato già segnalato dagli agenti penitenziari qualche giorno prima per i suoi comportamenti problematici ed aggressivi nei confronti dei poliziotti penitenziari ma anche di altri detenuti.

Il soggetto si era barricato per protesta, contro un trasferimento di camera, forse troppo annunciato. All'ordine del comandante di entrare nella camera è iniziata l’aggressione.

Non è la prima volta che nella casa circondariale i detenuti protestano in modo acceso e anche violento. Tra i motivi ci potrebbe essere il cronico sovraffollamento della struttura. Per queste ragioni nel 2009  i detenuti avevano fatto saltare i sistemi di illuminazione e fatto esplodere le bombolette del gas che alimentano i fornelli da campeggio in dotazione a ciascuna cella in segno di protesta.

Coinvolta nell’inchiesta delle "carceri d’oro", la struttura era stata progettata per ospitare duecento detenuti, ma il suo destino è poi stato quello di sopportare il peso ormai cronicizzato di almeno seicento detenuti. Solo pochi giorni fa, a causa della rottura dell'impianto idrico, i carcerati erano rimasti senz'acqua per 5 giorni