www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/07/2012  -  stampato il 08/12/2016


Klaus Davi presenta la ricerca “Allarme Carceri Italiane: invivibili e da terzo mondo. L’immagine dei nostri penitenziari sulla stampa estera”

 

L’immagine degli istituti di pena e, in generale, della giustizia italiana - soprattutto quella civile, va detto - inficia pesantemente la credibilità del nostro paese e il suo percepito all’estero ed è un pericoloso deterrente per tutte quelle aziende che scelgono di non investire in Italia perché il sistema “giustizia” viene soprattutto raccontato, a torto o a ragione, in chiave negativa.
Poco si sa di come i giornali esteri, anche quelli più autorevoli, trattano la vicenda. Per fare chiarezza e valutare critiche, ma anche rilevare eventuali eccellenze, il massmediologo Klaus Davi ha realizzato una ricerca, su oltre 100 testate della stampa estera, dal titolo “Allarme Carceri Italiane: invivibili e da terzo mondo. L’immagine dei nostri penitenziari sulla stampa estera” che verrà presentata giovedì 19 luglio, a Roma, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati in via della Missione 4, dalle ore 13 alle ore 14.
All’evento, curato da Klaus Davi e coordinato dall’on. Alfonso Papa, saranno presenti Valerio Spigarelli, Presidente Unione Camere Penali; Renato Borzone, già Vicepresidente Unione Camere Penali; Luigi Amicone, Direttore di Tempi; Piero Sansonetti, Direttore de Gli Altri; Riccardo Arena, conduttore di Radio Carcere; Stefano Zurlo, de il Giornale; Ornella Favero, Direttrice di Ristretti Orizzonti; Patrizio Gonnella, Presidente di Antigone; Claudio Marcantoni, Presidente dell’Associazione Papillon, don Franco Esposito, cappellano del carcere di Poggioreale e rappresentante dell’associazione Liberi di volare.
Il monitoraggio sarà realizzato da Klaus Davi in modo continuativo e, ogni semestre, i dati aggiornati verranno messi a disposizione di tutti i politici, magistrati, operatori della giustizia, personale carcerario e stampa. L’obiettivo della ricerca non è solo critico bensì mira a sensibilizzare tecnici e opinione pubblica su un problema di grande attualità come la salute del sistema carcerario italiano e il suo rapporto di interazione simbiotica con il sistema giudiziario e le sue problematiche.
 
 
fonte: Agenparl