www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/07/2012  -  stampato il 08/12/2016


Il Capo del DAP Giovanni Tamburino interviene sull'aggressione di Spoleto

Il Capo del DAP Giovanni Tamburino è intervenuto sull’aggressione ai danni un Assistente di Polizia Penitenziaria.

Il sovraffollamento resta “il problema” che, soprattutto nel periodo estivo, produce eventi critici, come quello avvenuto ieri nel carcere di Spoleto, dove un assistente capo di 45 anni è stato aggredito da un detenuto dell’alta sicurezza, subendo gravi lesioni al viso con una prognosi di 75 giorni e la necessità di essere sottoposto a un intervento chirurgico nel prossimi giorni.

Nell’aggressione è rimasto lievemente ferito anche un altro agente. “Il mio primo pensiero – dichiara Giovanni Tamburino – va all’Assistente capo e al suo collega pure aggredito ai quali esprimo il mio personale sostegno e la mia vicinanza augurando una pronta guarigione. Ai colleghi che sono tempestivamente intervenuti per sottrarli all’aggressione rivolgo espressioni di gratitudine per il coraggio e la professionalità con cui quotidianamente affrontano condizioni di lavoro difficili, come tutti i Poliziotti Penitenziari. 

Leggi anche: Gravissima aggressione di un agente al carcere di Spoleto: 75 giorni di prognosi