www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/06/2010  -  stampato il 07/12/2016


Scambio di detenuti a San Vittore, in aula rriva l'imputato sbagliato

Lo hanno portato dal carcere di San Vittore al Tribunale di Milano per un'udienza, ma quello non era il suo processo. E' successo, dunque, che un detenuto cinese è stato scambiato per un altro suo connazionale, quello che è il vero imputato nel procedimento davanti ai giudici della ottava sezione penale a carico di un'associazione dedita alle estorsioni e al gioco d'azzardo.

A causa dell'inconveniente il processo si è bloccato per circa un'ora e mezzo, dalle 14,30 alle 16, in modo da consentire agli agenti di polizia penitenziaria di riportare in carcereXiao Ming Chen e prendere l'imputato Quan Cheng. L'errore si è verificato malgrado nell'ordine di traduzione del detenuto vengano indicate le generalità e si presente anche una foto per il riconoscimento. I due, aldilà dello stesso cognome, non si somigliano per nulla: uno è basso, robusto e porta gli occhiali, l'altro è magro e senza occhiali.

Dopo la sospensione, il processo a carico di 17 cinesi, la cosiddetta "banda bresciana" accusata di associazione per delinquere, tentati omicidi, estorsioni, lesioni e gioco d'azzardo, è ripreso regolarmente.

Fonte: repubblica.it