www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/06/2010  -  stampato il 23/02/2017


Canada, sempre pił cellulari dietro le sbarre. Lotta delle autoritą penitenziarie al contrabbando dei telefonini nelle prigioni

TORONTO - Le autorità dei centri di detenzioni stanno cercando di porre un freno a un fenomeno sempre più dilagante nelle prigioni federali del Paese: il contrabbando di cellulari. Un’indagine della Cbc ha trovato un grosso numero di apparecchi telefonici nelle mani dei detenuti che vogliono rimanere in contatto con il resto del mondo, compreso quello criminale, e con prigionieri evasi. 
Negli ultimi due anni, i secondini hanno sequestrato 129 telefonini in 52 centri di detenzione in tutto il Canada. Questi sono i dati di Corrections Canada ottenuti dalla Cbc. Ma le autorità pensano che il numero di cellulari presenti al di là delle sbarre sia molto più grande. «Vengono usati per parlare con la fidanzata o con la famiglia ma molto spesso sono utilizzati per prendere accordi in attività criminali, come per esempio spaccio di droga» ha detto Mike Hanly, il guardiano della Drumheller Institution dell’Alberta.

Fonte: corriere.com