www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/09/2012  -  stampato il 30/04/2017


Detenuti in semi-libertÓ rapinavano supermercati di ritorno in carcere

Un colpo al supermercato, una banda che aveva raggranellato 14milaeuro con un solo assalto a Soccavo. La polizia segue le tracce di un incensurato ed arriva, a sorpresa, ad una gang di persone che per strada a far rapine non avrebbero dovuto esserci. 

Dei cinque che, secondo gli investigatori, avrebbero messo a segno il colpoaal super due erano detenuti in regime di semi-libertà. Sono stati arrestati questa notte dalla polizia.

I cinque presunti rapinatori: Alessandro Moccia, 20 anni, Gaetano Cornacchia, 21, Cristian Pizzolante, 25, Giuseppe Riano, e Salvatore Giaquinto, entrambi di 26. Sono stati identificati dagli agenti del commissariato «Pianura», intervenuti ieri sera alle 19, insieme ad una Volante del commissariato San Paolo, in via Giustiniano, al Supermercato «Decò».

Poco prima una banda, con i volti coperti da passamontagna e le armi in pugno, si era impadronita del denaro contenuto nelle cinque casse del supermercato, circa 14 mila euro.

Il filo dell'inchiesta è stato trovato nella descrizione di uno scooter «Honda 300», usato da Moccia, che è l' unico incensurato del gruppo. Ma anche dall' indicazione di una «Smart», risultata di proprietà di un pregiudicato in regime di semi-libertà.

Lo scooter è stato ritrovato in Via Antonino Pio abbandonato in strada, mentre in un cassonetto dei rifiuti in Via Risorgimento sono stati trovati gli abiti indossati dai rapinatori. 

Salvatore Giaquinto, scarcerato dalla casa circondariale di Vasto, dove era detenuto per una rapina, stava beneficiando della semi-libertà da giugno.

In semi-libertà è risultato anche un altro rapinatore, Giuseppe Riano, che abita al Rione Salicelle di Afragola. Quest' ultimo, dopo la rapina, aveva addirittura raggiunto il carcere di Secondigliano, dove dal mese di luglio era in semi-libertà, ed è stato arrestato là.

ilmattino.it