www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/09/2012  -  stampato il 03/12/2016


Un Generale della Polizia Penitenziaria viene sostituito da un Generale dei Carabinieri in pensione

I tentativi di mantenere un decoro di comportamento, all'interno del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, sembrano vacillare. Un Generale della polizia Penitenziaria viene sollevato dal suo incarico per far posto ad un Generale dei Carabinieri. (ndr)

Il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, si dice "seriamente sconcertato" per talune determinazioni dell’Amministrazione penitenziaria che contrastano palesemente con i provvedimenti del Governo in materia di revisione della spesa.
«Ogni giorno scopriamo le assurdità che caratterizzano l’Amministrazione Penitenziaria - si legge in una nota - ».

«Dopo la vergogna delle Maserati e delle Bmw usate per accompagnare gli "alti" dirigenti del DAP mentre i mezzi dei Nuclei Traduzioni sono fermi nelle officine perchè mancano i soldi per ripararli e per acquistare la benzina, dopo le decine di Land Rover costate centomila euro l’una per accompagnare i collaboratori di giustizia ed invece distolte per portare in giro i dirigenti penitenziari, dopo gli uomini ed i mezzi distolti per portare in giro ex Ministri ed ex Sottosegretari, dopo aver saputo che per anni l’Amministrazione penitenziaria ha pagato undicimila euro all’anno per acquisto di giornali e periodici nonostante la quotidiana rassegna stampa realizzata dal Ministero della Giustizia e 5 milioni di euro per la Rivista "Le Due Città" che nessuno legge - denuncia il Segretario Generale SAPPE Donato CAPECE - veniamo a sapere oggi che il Capo Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Giovanni Tamburino ha sollevato dall’incarico di Direttore del CED del DAP un Generale della Polizia Penitenziaria per mettere al suo posto, con contratto oneroso, un Generale in pensione dei Carabinieri.

Il provvedimento sarebbe già alla firma della Ministro della Giustizia Severino, alla quale abbiamo già inviato una formale nota di protesta: la Guardasigilli blocchi questo ingiustificato sperpero di denaro pubblico. In questo strano clima di spending review, dove si cerca di tagliare e tassare la povera gente pur di recuperare denaro per le casse dello Stato, queste spese del DAP sono davvero una vergogna».

grnet.it