www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 08/10/2012  -  stampato il 10/12/2016


Un assistente capo salva una signora che tentava di buttarsi dal viadotto

Un Assistente capo di Polizia Penitenziaria, mentre si stava dirigendo verso l’Istituto penitenziario di Agrigento, nota una macchina ferma sulla strada statale 122 nella corsia opposta alla sua.
L’assistente osserva meglio la scena e nota una signora fuori dalla macchina che si accingeva a scavalcare il guard rail. Le intenzioni della donna sembravano quelle di chi sta tentando di buttarsi di sotto e suicidarsi.
Resosi conto di quello che stava per accadere, l’Assistente capo attraversa con velocità la strada per arrivare dall’altra parte e bloccare la signora. Quest’ultima, presa a sorpresa, ha continuato a divincolarsi perché voleva terminare quello che aveva iniziato.
Ha continuato ad aggrapparsi alla ringhiera mentre l’uomo tentava di tirarla lontano dallo strapiombo e dopo molti minuti di resistenza è riuscito nel suo intento.
La donna, una volta messa in salvo dall’Assistente capo di Polizia Penitenziaria ha iniziato a parlare con lui e a raccontare di quanto era stanca della sua vita e delle grandi difficoltà che stava vivendo. La stanchezza e la frustrazione della sua vita l’avevano portata a pensare che, togliendosi la vita, tutto sarebbe finito.
Pochi minuti dopo è passata una pattuglia della Polizia Municipale che ha preso in consegna la signora.