www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/10/2012  -  stampato il 09/12/2016


Anche Striscia denuncia lo spreco nelle carceri italiane

Anche Striscia la Nortizia parla della disastrosa situazione delle carceri italiane e lo fa parlando del carcere di minorile di Lecce, inattivo dal 2007. Nonostante sia vuoto, questo carcere è la sede lavorativa di 28 dipendenti pubblici che percepiscono stipendio e addirittura straordinari per le notti. (ndr)

Stasera a Striscia la Notizia Fabio e Mingo hanno denunciato “uno spreco di denaro pubblico al carcere minorile di Lecce, già al centro di un servizio del Tg satirico del maggio 2009”. Lo rende noto un comunicato dell'ufficio stampa di Striscia la notizia.

“Nell'istituto di detenzione, svuotato nel 2007 per lavori di ristrutturazione, non vi erano più detenuti, ma continuavano a lavorare ben 28 dipendenti pubblici. A distanza di cinque anni, - viene anticipato nella nota - non è ancora cambiato nulla. Gli stessi dipendenti avrebbero addirittura richiesto il pagamento degli straordinari per le ore notturne trascorse all'interno del carcere. I costi di mantenimento del personale della struttura sarebbero di circa un milione di euro all'anno, che, moltiplicato per i cinque anni di inattività della casa di correzione, ammontano a ben cinque milioni di euro”.

“Come nel 2009, nessuno dei dipendenti - è detto ancora nel comunicato - è disposto a rilasciare alcuna dichiarazione. Nicola Petruzzelli, Direttore del carcere minorile di Bari e Lecce, viene raggiunto telefonicamente dagli inviati e in merito alla vicenda dichiara: 'Siamo in attesa del provvedimento di eventuale riattivazione, che è di competenza dell'amministrazione centrale’”. Riguardo alla richiesta del pagamento degli straordinari da parte dei dipendenti, replica: “Lo straordinario se si fa, si fa per esigenze operative e per i casi previsti dalla normativa”.