www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 16/10/2012  -  stampato il 02/12/2016


Era da 11 anni al 41bis, mio padre non si suicidato in carcere, parla il figlio di Ribisi

''Mio padre ha trascorso 20 anni in carcere di cui 11 col regime del 41 bis. Non aveva motivo di suicidarsi proprio ora che poteva sperare in qualche beneficio. Anzi per me potrebbe essere stato ucciso. E' stata aperta un'inchiesta che non e' stata archiviata. Dire che si e' suicidato e' quantomeno un anticipazione del risultato investigativo che ancora non c'e'''.

Lo dice Nicolo' Ribisi, figlio del bosso Pietro, 61 anni (e non 53 come scritto in precedenza) condannato all'ergastolo per l'omicidio del giudice Antonino Saetta e del figlio Stefano, trovato morto giovedi' scorso nella sua cella del carcere di Carinola, in provincia di Caserta. Nicolo' Ribisi lamenta il fatto che il prete di Palma di Montechiaro (Ag) non voglia celebrare il normale funerale in chiesa perche' l'uomo si sarebbe suicidato.

''Mio padre - aggiunge - non stava bene. Non riusciva a dormire. L'ho visto martedi' scorso. Avevamo chiesto di farlo trasferire in un penitenziario con annesso ospedale ma giovedi' e' morto. Il pm ha sequestrato la cella e tutti gli effetti personali di mio padre. Dicono che si e' impiccato. Ma ho visto il suo collo dopo che ci hanno riconsegnato la salma: ha un segno che va verso il basso non verso l'alto. E ha le dita della mano sinistra nere come se avesse tentato di impedire che lo strangolassero''.

Ribisi, venne arrestato nel febbraio '82 dopo due anni e mezzo di latitanza: era ricercato per essersi sottratto agli obblighi del soggiorno obbligato. In tre anni erano stati uccisi tre suoi fratelli. Gioacchino, venne assassinato nel '88 in un agguato nel centro di Palma Montechiaro; gli altri due, Rosario e Carmelo furono uccisi nel luglio '89 da sicari all' interno dell' ospedale di Caltanissetta dove il primo era ricoverato da alcuni giorni dopo essere stato ferito in un agguato. Un altro fratello, Ignazio, accusato di omicidio e' stato poi assolto ma condannato per mafia.

ANSA

Giudice Antonino Saetta: si suicida in carcere uno dei suoi assassini