www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/10/2012  -  stampato il 11/12/2016


Detenuta prende a morsi Ispettrice di Polizia Penitenziaria nel carcere Don Bosco di Pisa

Un altro caso di violenza nel carcere pisano di via Don Bosco. Una detenuta nel carcere di Pisa ha aggredito a morsi un ispettore di Polizia Penitenziaria. A denunciarlo è il Sappe, il Sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria. E' accaduto nel pomeriggio di ieri, quando la detenuta ha improvvisamente preso a morsi l'ispettore di Polizia Penitenziaria che è dovuta andare al pronto soccorso per le cure e gli accertamenti. Per il Sappe quella di Pisa è ''una situazione di alta tensione''.
 
''Quanto avvenuto ieri è di una gravità assoluta ed inaccettabile'' commenta Donato Capece, segretariogenerale del Sappe, che esprime solidarietà ''alla collega colpita''.
 
''Questo nuovo grave fatto accaduto a Pisa è l'ennesimo segnale, in ordine di tempo, delle criticità del penitenziario di via Don Bosco. Non più tardi di qualche settimana fa - dice Capece - nell'Istituto di pena pisano due detenuti hanno tentato di ferire alcuni agenti: a settembre un'altra detenuta aveva aggredito una poliziotta e a luglio un detenuto aggredì direttore ed altri poliziotti.
Dal 1 gennaio al 30 giugno 2012 nel carcere di Pisa ci sono stati 18 atti di autolesionismo - ingestione di corpi estranei, chiodi, pile, lamette, pile; tagli diffusi sul corpo e provati da lamette -, 9 tentati suicidi sventati dai bravi agenti di Polizia Penitenziaria, 3 ferimenti e 28 colluttazioni, e persino l'evasione di un detenuto''.