www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/11/2012  -  stampato il 11/12/2016


Poliziotto Penitenziario segnala sospetti e Carabinieri arrestano banda di ladri d'appartamento

Sono perfetti ladri hi-tech i due guatemaltechi e la colombiana, sorpresi e arrestati per concorso in furto aggravato durante un 'colpo' in un appartamento della frazione Sorbolo a Levante di Brescello (Reggio Emilia).

I militari hanno sequestrato loro un vero e proprio kit: radiotelefoni collegati tra loro, un navigatore satellitare con tutte le "coordinate" per raggiungere gli obiettivi da colpire, specifici strumenti da scasso tra cui cacciaviti, un piede di porco e pinze varie, e infine l'agenda con appuntati vari indirizzi di appartamenti da depredare, tra cui quello nella bassa reggiana dove sono stati sorpresi. E' stata la collaborazione tra un agente della Polizia Penitenziaria e i carabinieri della bassa reggiana a consentire non solo di arrestare i tre topi d'appartamento, ma ad impedire che altri furti potessero essere messi a segno.

I militari sono infatti intervenuti dopo la segnalazione di due auto sospette, parcheggiate nei pressi di un condominio, con a bordo un uomo ed una donna intenti a parlare attraverso le cuffie collegate ad un radiotelefono. E' emerso che i due, in concorso con un terzo guatemalteca, avevano "svaligiato" l'appartamento del condominio di via Boccaccio, di proprieta' di un commerciante 50enne. Proseguono le indagini per verificare se i tre siano anche i responsabili di una serie di furti in a abitazione effettuati con le stesse modalita' in tutta la provincia reggiana nelle scorse settimane.

Adnkronos