www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/11/2012  -  stampato il 04/12/2016


Nuovo carcere di Oristano appena inaugurato, ma giÓ iniziano i lavori di ristrutturazione

Costato oltre 40 milioni di euro e inaugurato il 27 novembre con la cerimonia di intitolazione alla memoria dell'agente Salvatore Soro, il nuovo carcere di Massama a Oristano dovrà subire già dalle prossime settimane un importante intervento di manutenzione straordinaria.

Sarà necessario smantellare buona parte delle pavimentazioni in diversi corpi del complesso che ha una superficie coperta di 24 mila metri quadrati. Un lavoro impegnativo e costoso, necessario per porre rimedio a un grave problema: la mancata o insufficiente impermeabilizzazione dei solai, che sta causando infiltrazioni di umidità un po' ovunque.

Il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Giovanni Tamburino ha annunciato che qualora vi fossero problemi l'amministrazione statale si rivarrà sulla ditta costruttrice. Dell'azienda, un'associazione temporanea di imprese, però, è rimasto ben poco. C'è il Gruppo Intini, ma è in grave crisi, avendo bloccato anche i pagamenti ai creditori.

“Non possono sorprendere né i problemi di infiltrazioni di acqua nel carcere di Oristano-Massama né l’ennesima sospensione dei lavori a Cagliari-Uta né tantomeno l’ulteriore slittamento della consegna dell’Istituto di Sassari-Bancali.

Sono le ovvie conseguenze dell’avere assegnato i lavori con procedura d’urgenza, senza asta pubblica e con secretazione degli atti. L’assenza di trasparenza peri opere costate complessivamente oltre 160 milioni di euro volute dai Ministri Pietro Lunardi e Roberto Castelli non poteva dare risultati migliori”.

Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione “Socialismo Diritti Riforme”, avendo appreso dell’ulteriore denuncia dei sindacati nelle diverse strutture penitenziarie e facendo osservare che “occorre effettuare un accurato controllo a Uta per evitare successive sorprese”. “Purtroppo – sottolinea – non si possono affidare lavori così importanti a imprese o gruppi ritenendo che la rapidità nell’assegnazione dei lavori e nell’apertura dei cantieri corrisponda ad altrettanta velocità nella loro realizzazione e ad un alto livello qualitativo nell’esecuzione delle strutture.

affaritaliani.libero.it - www.buongiornoalghero.it