www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/12/2012  -  stampato il 05/12/2016


Sventata evasione dal Carcere di Orvieto: foro di 50 centimetri nel bagno di una cella

Un foro di circa 50 centimetri e' stato scoperto oggi nel bagno di una cella del carcere di Orvieto, occupata da due campani detenuti per rapina e furto.

L'ipotesi e' che stessero preparando un'evasione. A riferirlo e' Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria Sappe. In base a quanto si apprende, il foro e' stato praticato - sembra con la sbarra di ferro di un armadietto - nella parete rivolta verso il cortile interno al carcere.

''E' solamente grazie alla professionalita', alle capacita' ed all'attenzione del personale di Polizia Penitenziaria che oggi e' stata impedita una clamorosa evasione dal carcere'' commenta Capece.

''La situazione penitenziaria - aggiunge - resta incandescente. Lo confermano drammaticamente i gravi episodi che accadono sistematicamente nelle carceri italiane; lo evidenziano soprattutto i continui tentativi di evasione e le evasioni vere e proprie.

Le istituzioni e il mondo della politica non possono piu' restare inermi e devono agire concretamente. C'e' bisogno di una nuova politica dell'esecuzione della pena - conclude Capece - che ripensi il sistema sanzionatorio e non cervellotiche disposizioni dell'amministrazione penitenziaria che vorrebbero l'autogestione delle carceri affidata ai detenuti''.

ANSA