www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/12/2012  -  stampato il 05/12/2016


Molotov davanti a sede Unicredit della Cassazione, trovata e spenta a Poliziotto Penitenziario

Ore 12: Ha trovato la bottiglia con lo stoppino in fiamme questa mattina intorno alle 9.30, di fronte alla banca Unicredit, dove lavora. Non ha esitato, l'ha spenta e poi ha allertato un ispettore della Polizia Penitenziaria che e' in servizio all'interno del palazzo di giustizia. E' cosi' che questa mattina e' scattato l'allarme per la molotov innescata davanti ad una banca all'interno dell'edificio della Corte di Cassazione a Roma.

La molotov era stata realizzata con una bottiglia per liquore usato per i dolci, era piena per tre quarti di alcol e chiusa da uno stoppino acceso. La polizia, giunta anche con gli artificieri sul posto, indaga per chiarire chi e perche' abbia posizionato la bottiglia.

Ore 19: È stata identificata dalle forze dell'ordine la persona che questa mattina ha collocato un bottiglia incendiaria davanti all`ingresso della Banca Unicredit situata all`interno della Corte di Cassazione in piazza Cavour, a Roma. Si tratta di una donna dipendente della Banca. Sono ancora al vaglio degli investigatori i motivi che hanno spinto ad un gesto così eclatante, anche se da alcune testimonianze di colleghi e parenti, la donna recentemente avrebbe manifestato problemi familiari.

La donna, fin dal primo momento, da quando è stata scoperta, ha ammesso la sua responsabilità, non ha saputo però giustificare i motivi del gesto. L'attività di indagine congiunta tra polizia, carabinieri e agenti della Polizia Penitenziaria, è tuttora in corso. Già ieri, all`interno dei bagni dello stesso istituto di credito, i vigili del fuoco erano dovuti intervenire per spegnere un incendio, le cui cause, erano state poi attribuite ad una probabile sbadataggine di qualcuno dei dipendenti che aveva lasciato un mozzicone di sigaretta acceso.

TMNEWS