www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 14/12/2012  -  stampato il 08/12/2016


Evasione Avellino, Luigi Pagano: responsabilitÓ da accertare, ma non possono ricadere solo sui singoli

''L'evasione dalla Casa circondariale di Avellino, pur nella oggettiva gravita' del fatto, non puo' determinare una presa di distanza del Dap dalle realta' periferiche della nostra Amministrazione, risolvendosi esclusivamente in una ricerca di possibili errori e/o omissioni in capo a singoli operatori''. Lo afferma in una nota Luigi Pagano, vice capo del Dipartimento per l'amministrazione penitenziaria.

''Le responsabilita' dell'accaduto sono ancora tutte da accertare - continua Pagano - ma l'Amministrazione Penitenziaria, nella sua interezza, esprime vicinanza a tutto il personale che opera nell'istituto di Avellino, evidenziandone la professionalita' e l'impegno profuso con sacrificio e senso del dovere. Se il sistema penitenziario nel suo complesso tiene, nonostante il grave indice di sovraffollamento e una sensibile flessione delle risorse - sottolinea - si deve alla capacita' e al senso di responsabilita' dei nostri operatori, nella straordinaria qualita' del lavoro reso che non puo' essere messo in discussione neppure dopo accadimenti del genere''.

L'impegno dell'Amministrazione, assicura Pagano, ''a partire dal progetto sui circuiti regionali, con la razionalizzazione delle risorse umane e materiali, va proprio nella direzione di garantire la sicurezza degli istituti prevenendo il verificarsi di tali episodi. Il carcere, non dimentichiamolo, come ha oggi dichiarato il capo del Dipartimento Giovanni Tamburino, 'e' una realta' articolata, che richiede un giudizio differenziato.

Quello che l'Amministrazione penitenziaria deve fare e' da un lato estendere le buone prassi, ovvero quei risultati positivi che ci sono in numerose realta' e riguardano per fortuna un buon numero di detenuti'''. Le parole di Tamburino, conclude Pagano, ''rafforzano il principio che serve il contributo di tutti per rendere il carcere un luogo di riscatto e reinserimento sociale. Noi crediamo nel nostro progetto e lo riteniamo indispensabile per conseguire a breve un miglioramento del sistema penitenziario''.

Adnkronos