www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 02/01/2013  -  stampato il 11/12/2016


Tubercolosi a Benevento, Sappe: chiarire vicenda e tutelare salute della Polizia Penitenziaria

"Noi vogliamo che la tutela della salute di chi lavora in carcere sia effettivamente esercitata, e non sia solo un argomento che occupa pagine di libri e dispense. Questo a Benevento non e' avvenuto, per cui chi dirige la struttura deve essere avvicendato perche' deve mettere coloro che lavorano a stretto contatto con i detenuti - come i poliziotti penitenziari - nelle condizioni di operare con tutte le tutele, a cominciare da quelle sanitare". Il segretario generale del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria (Sappe) Donato Capece torna a chiedere un'indagine all'Amministrazione Penitenziaria su quanto avvenuto nel carcere di Contrada Capodimone a Benevento, dove cinque giorni fa quattro agenti sono stati contagiati da tubercolosi da cui era affetto un detenuto.

"Il detenuto - aggiunge Capece - era per giunta un lavorante ed era a costante contatto con detenuti, agenti ed altri operatori penitenziari. Ma come e' possibile che un detenuto con la tubercolosi possa essere ammesso al lavoro interno? - chiede - Come e' possibile che la Direzione abbia sottovalutato questa cosa? I quattro poliziotti sono risultati positivi agli accertamenti disposti solo dopo che 'erano scappati i buoi'''.

"Non e' un mistero -prosegue il Sappe- che la prevalenza della tubercolosi, sia essa conclamata o latente, e' piu' alta nella popolazione carceraria rispetto alla popolazione generale, per cui e da tempo le organizzazioni sanitarie hanno messo l'accento sulla necessita' di arrestare il contagio in questa popolazione a rischio''. ''Peraltro -viene rilevato- secondo recenti studi l'alta prevalenza di tubercolosi nella popolazione carceraria contribuisce all'aumento dell'infezione anche nella popolazione generale: i risultati hanno evidenziato una prevalenza 23 volte piu' alta nella popolazione carceraria per la Tbc conclamata e 26,4 volte piu' alta per la Tbc latente. Inoltre, l'8,5 per cento dei contagi nella popolazione generale e' attribuibile a contatti con la popolazione carceraria".

Adnkronos

Tubercolosi: 4 agenti penitenziari positivi al test, c'è rischio di epidemia