www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 26/01/2013  -  stampato il 10/12/2016


Rivolta in carcere: 54 morti e 90 feriti in Venezuela

Una rivolta nel carcere venezuelano di Uribana si è trasformata in una carneficina: 54 morti e 90 feriti. A fornire il bilancio delle vittime della rivolta avvenuta ieri è stato il direttore dell'ospedale cittadino, Ruy Medina. In una conferenza stampa che si è svolta questa mattina, il vice presidente Nicolas Maduro ha annunciato che le autorità hanno lanciato un'indagine sull'episodio. Il ministro del Servizio penitenziario Iris Varela ha spiegato ieri che le violenze sono esplose quando un gruppo di detenuti ha attaccato le truppe della Guardia nazionale che stavano conducendo un'ispezione.

Secondo i responsabili del carcere, è stato necessario ricorrere alla Guardia nazionale perché erano arrivate informazioni secondo cui le gang rivali all'interno del carcere erano armate. "L'ispezione è stata necessaria per disarmare la popolazione di detenuti", ha dichiarato Varela, precisando che i prigionieri prima si sono rivoltati contro le guardie durante l'ispezione, poi hanno scatenato una rivolta generale. Come riferito a Globovision dal portavoce dell'ospedale della città di Barquisimeto, "la maggior parte degli oltre 50 decessi sono stati causati da armi da fuoco". Tra le vittime sia detenuti che guardie carcerarie, anche se non è chiaro in quali proporzioni.

Quello di Uribana, nella parte occidentale del Paese, è solo l'ultimo di una serie di episodi simili nei carceri del Venezuela. Ad agosto, 25 persone sono morte quando due gruppi di detenuti si sono scontrati nella prigione di Yare I, a sud della capitale. Il problema del sovraffollamento, qui, è enorme. Il Paese sudamericano, infatti, ha 33 istituti penitenziari che potrebbero ospitare circa 12mila detenuti, ma secondo stime ufficiale la popolazione carceraria supera le 47mila persone. Uribana è stata costruita per contenere 850 carcerati, ma ne ospita attualmente 1.400.

www.huffingtonpost.it

Rivolta Venezuela: massacro iniziato con perquisizione straordinaria, ma detenuti avvertiti dalla stampa