www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 04/02/2013  -  stampato il 10/12/2016


Tentata evasione da Rebibbia, Sappe: sorveglianza dinamica un flop pericoloso

Tentata evasione dal carcere di Roma Rebibbia. Agenti di Polizia Penitenziaria sventano l'evasione dopo accurata indagine.

Avevano preparato minuziosamente un piano di fuga realizzando, in diversi mesi di lavoro, un foro di 50 centimetri dal quale poi calare un lenzuolo ed evadere da Rebibbia. L'episodio, reso noto dal sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria Sappe, ha per protagonisti due detenuti romeni condannati per omicidio e la cui pena scadra' nel 2031.

Grazie ad un lavoro di mesi, i due erano riusciti a realizzare il foro ed erano pronti a fuggire se non fossero stati fermati nella tarda serata del primo febbraio da un'ispezione dei poliziotti, al termine di una attenta attivita' investigativa. In sostanza un'evasione che avrebbe preceduto di poche ore quella clamorosa avvenuta a Parma. ''La vigilanza dinamica dei penitenziari voluta per alleggerire l'emergenza carceraria e' un vero flop - commenta il segretario generale del Sappe, Donato Capece -.

Pensare a un regime penitenziario aperto, a sezioni detentive sostanzialmente autogestite da detenuti previa sottoscrizione di un patto di responsabilita', favorendo un depotenziamento del ruolo di vigilanza della Polizia Penitenziaria, relegata ad un servizio di vigilanza dinamica, che vuol dire porre in capo ad un solo poliziotto quello che oggi lo fanno quattro o piu' agenti, a tutto discapito della sicurezza e mantenendo il reato penale della 'colpa del custode'.

Ebbene, tutto questo e' fumo negli occhi e chi l'ha pensata (il Capo Dap Giovanni Tamburino ed il vice Capo Luigi Pagano) dovrebbe essere subito avvicendato dalla guida del Dap. Altro che l'aumento di 10mila euro in busta paga dato qualche giorno fa...''.

ANSA