www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/02/2013  -  stampato il 04/12/2016


Poliziotto penitenziario ucciso negli USA da un detenuto con arma artigianale

 Un detenuto americano uccide un poliziotto penitenziario con un'arma artigianale. Erano anni che non si verificava un episodio così grave di violenza nel carcere. (ndr)

Dopo oltre cinque anni, negli Stati Uniti si è verificato un omicidio di un poliziotto penitenziario federale per mano di un detenuto. L’episodio, come riporta Fox News, è avvenuto nel carcere federale di Canaan, in Pennsylvania, dove, nella notte di lunedì, un prigioniero ha attaccato il 34enne agente Eric Williams con un’arma artigianale.
Come ha dichiarato il direttore della struttura, David Ebbert, “è chiaramente il momento più buio della breve storia di Canaan, e sicuramente un episodio che scuote tutta la nazione”.

L’ultimo omicidio di agente penitenziario risaliva al 2008, in California. L’autopsia a cui è stato sottoposto Williams ha stabilito che le numerose ferite al corpo e il forte trauma al collo sono congruenti con l’ipotesi di omicidio volontario. Il caso è stato rivelato ai media solo ieri, con un ritardo imposto dalle autorità investigative.
Lo stessa cautela è stata applicata alla diffusione del nome del detenuto colpevole, per ora nascosto in attesa della formalizzazione delle accuse a suo carico. Per il carcere di massima sicurezza di Canaan, che ospita 1.350 detenuti, si tratta del quarto omicidio avvenuto nella struttura. Gli altri casi precedenti avevano avuto come vittime tre detenuti.