www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/03/2013  -  stampato il 04/12/2016


Indagini sul carcere di Iglesias, Sappe: se accuse saranno confermate, colpevoli siano puniti

Tra i detenuti del carcere di Iglesias c'era chi godeva di liberta' non dovute e chi, invece, era considerato un ospite di serie B. Questo lo spaccato che sembra emergere dall'inchiesta della procura di Cagliari in cui sono indagati il direttore dell'istituto di pena, Marco Porcu (difeso dall'avvocato Massimiliano Ravenna) e l'allora capo della Polizia Penitenziaria Gesuela Pullara (difesa dall'avvocato Guido Manca Bitti) poi trasferita in Sicilia.

Indagati Direttore e Comandante di Polizia Penitenziaria del carcere di Iglesias 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, tra i detenuti che godevano di qualche privilegio c'era Mario Sanna, ex agente di Polizia Penitenziaria accusato di concorso nell'omicidio di Marco Erittu detenuto assassinato nel 2007 nel carcere di San Sebastiano di Sassari, un delitto mascherato da suicidio e scoperto solo dopo la confessione di Giuseppe Bigella oggi super teste d'accusa. A Sanna era permesso di aggirarsi in zone che dovrebbero essere accessibili solo al personale dell'istituto.

Tra i privilegiati, c'era anche Massimo Sebastiano Messina che non venne denunciato nonostante - sempre stando alle accuse - avesse pesantemente minacciato alcune educatrici del carcere. Per contro, c'era chi riceveva un trattamento meno favorevole come il detenuto straniero preso a pugni e trascinato dalla sua cella in un'altra, un episodio per cui e' indagato un agente di Polizia Penitenziaria dell'istituto penitenziario.

Il direttore dell'istituto penitenziario (che regge anche quelli di Lanusei e Isili) e' indagato per abuso d'ufficio: nel settembre 2012 avrebbe disposto una perquisizione alla ricerca di droga, nell'ufficio ragioneria della prigione senza informare gli interessati, ne' redigere il verbale e senza informare le autorita' competenti. Porcu sentito ai primi di marzo dagli inquirenti, si e' avvalso della facolta' di non rispondere.

Per lo stesso fatto e' indagata anche Pullara, che avrebbe eseguito la perquisizione. Alla comandante delle guardie vengono contestati anche i reati di omessa denuncia e rifiuto d'atti d'ufficio per non aver segnalato alle autorita' competenti ne' preso provvedimenti contro le violazioni compiute da alcuni detenuti, uno dei quali avrebbe minacciato il personale del carcere.

 

La posizione del SAPPE

"Il corpo di Polizia Penitenziaria e' sano e capace di individuare coloro che, al suo interno, si dimostrano infedeli". Cosi' Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo di categoria Sappe, commenta i favoritismi ai detenuti che stanno emergendo dall'indagine sul carcere di Iglesias aperta dalla procura di Cagliari. "Se le accuse saranno confermate i responsabili dovranno essere puniti severamente".