www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 26/03/2013  -  stampato il 04/12/2016


Numero chiuso nelle carceri, Sappe: proposta di Manconi demagogica

Numero chiuso nelle carceri: "proposta demagogica", il Sappe risponde alla proposta di legge del Senatore Luigi Manconi.

''Ci fa piacere constatare che, a distanza di 7 anni dalla proposta lanciata dal sindacato autonomo Polizia Penitenziaria Sappe il 20 dicembre 2007, il parlamentare del Pd Luigi Manconi se ne sia appropriato e abbia presentato oggi un disegno di legge destinato a introdurre nelle carceri il cosiddetto 'numero chiuso'''.

Lo sottolinea in una nota Donato Capece, segretario generale del Sappe, che invita Manconi a ''risparmiarci la demagogia…''. ''Se l'avesse fatto prima, ad esempio dal 2006 al 2008 quando era sottosegretario alla Giustizia, probabilmente le carceri italiane non sarebbero arrivate al grado di sovraffollamento e di incivilta' in cui ci troviamo oggi. Se le carceri sono nell'attuale situazione di sovraffollamento - denuncia Capece - e' anche per lui, da sottosegretario alla Giustizia, ha fatto poco o nulla di concreto per il sistema penitenziario: avesse pensato meno all'indulto e piu' a una riforma strutturale dell'esecuzione della pena non saremmo dove siamo''.

"Luigi Manconi, da sottosegretario, e' stato il responsabile della mancata programmazione da parte del ministero della Giustizia (e quindi del Governo) dei necessari interventi strutturali per il sistema carcere che dovevano essere adottati contestualmente all'approvazione dell'indulto, chiesti anche dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano - ricorda Capece - Noi arrivammo a chiedere all'allora ministro guardasigilli di avocare a se' la delega conferita a Manconi sulle questioni di pertinenza dell'Amministrazione penitenziaria, visto che ha sembrato farne un uso disinvolto, tutto a favore dei detenuti (ad esempio quando appoggio' iniziativa formative assurde come i corsi di boxe per detenuti) e senza alcun atto concreto sulle importanti questioni attinenti al personale del Corpo di Polizia Penitenziaria''.

Adnkronos