www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/06/2010  -  stampato il 05/12/2016


IONTA: pronti a emergenza estate e freno su incontri coniugali

Roma, 18 giu - ''Sicuramente il problema dell'estate e' un problema serio perche' normalmente le condizioni meteorologiche, ma non solo quelle, inducono a comportamenti non sempre corretti. Noi abbiamo la possibilita' di fronteggiare situazioni di emergenza ma sicuramente dobbiamo ragionare in termini di medio - lungo periodo per arrivare a una stabilizzazione del sistema, che significa mettere in grado il sistema penitenziario di reggere l'urto di una detenzione che un paese post moderno come l'italia produce inevitabilmente''. Lo afferma il capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Franco Ionta in una intervista a Rai Gr Parlamento facendo riferimento anche al piano carceri.

'''Con i provvedimenti normativi che sono all'esame del parlamento - afferma - riusciremo ad ottenere un numero consistente di agenti che servono per fronteggiare il problema del sovraffollamento. In questa fase c'e' uno sforzo concentrico sia dell'amministrazione che delsindacato

Sulla condizione dei detenuti, Ionta afferma: '''Noi favoriamo sicuramente i colloqui con le famiglie, favoriamo la possibilita' per le donne di avere con se' i figli fino a tre anni e stiamo studiando una serie di progetti per fare in modo che ci sinao delle zone dedicate alla detenzione femminile accompagnata appunto da prole inferiore a tre anni''.

Ma sugli 
incontri coniugali in carcere il capo del Dap frena: '''E' un tema molto delicato perche' la possiblita' di incontri di intimita' traconiugi si presta a molte strumentalizzazioni. E' un tema all'attenzione ma che in questo momento non prevede particolari provvemiemnti in atto''. Infine sull'applicazione del 41 bis, Ionta rileva che '''funziona molto bene perche' la gestione di queste persone particolarmente pericolose e' affidata ad un gruppo di agenti della polizia penitenziaria fortemente specializzate.

Naturalmente noi abbiamo la necessita' di grantire una serie di diritti a chi e' sottoposto a questo particolare regime''.

''.