www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/04/2013  -  stampato il 05/12/2016


Stranieri scontino la pena nel loro Paese: il Sappe sarÓ ricevuto dalla Commissione Europea per discuterne

Stranieri in carcere: per il Sappe devono scontare la pena nel loro Paese e per questo il Sindacato sarà ricevuto anche dalla Commissione Europea per discuterne.

''Il numero dei detenuti stranieri oggi in Italia e' di 23.436 unita', per una percentuale pari al 36% degli attuali 65.831 ristretti nelle oltre 200 carceri del Paese''. E' quanto afferma Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria, che spiega: ''Di questi, 9.499 arrivano da Paesi europei, 11.203 dall'Africa, 1.252 dall'Asia, 1.463 dalle Americhe''. Per il 56% si tratta di detenuti definitivi, che scontano una pena. I primi sei Paesi esteri per numero di detenuti presenti sono Marocco (4.463), Romania (3.700), Tunisia (2.927), Albania (2.888), Nigeria (1.010) e Algeria (616).

''L'elevata presenza di stranieri tra i detenuti -prosegue il leader dei baschi azzurri del Sappe- accentua inevitabilmente le criticita' con cui quotidianamente si devono confrontare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria''. Il Sappe rileva che ''pochissimi sono stati negli ultimi due anni i detenuti espulsi dall'Italia a titolo di misura alternativa: 896 nel 2011 e 920 nel 2012''.

Per questo il sindacato della Polizia Penitenziaria torna a sollecitare il ministro della Giustizia e il governo a ''favorire la circolarita' degli stranieri detenuti in Italia, a cominciare da quelli comunitari, facendo scontare loro la pena nelle carceri dei Paesi di provenienza, attraverso accordi bilaterali tra gli Stati aderenti all'Unione Europea favoriti dalla Commissione Europea''. ''Questo -rimarca il Sappe- potrebbe essere un primo segnale per ridurre concretamente, seppur molto parzialmente, il sovraffollamento penitenziario in Italia''.

Per favorire questo percorso, il Sappe annuncia di avere ''in programma a breve anche incontri in sede istituzionali quali la Commissione Europea''.

Adnkronos