www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/06/2013  -  stampato il 09/12/2016


Operazione antidroga nel penitenziario di Velletri

 Nella mattinata di sabato 15 giugno, personale del gruppo cinofili della Regione Lazio, unitamente al personale di Polizia Penitenziaria del reparto colloqui dell’istituto penitenziario di Velletri, ha compiuto una operazione di servizio per impedire che sostanze stupefacenti entrassero nel carcere.
L’ azione, finalizzata a contrastare l’introduzione di sostanze stupefacenti all’interno del penitenziario, è stata condotta dal personale del reparto colloqui e dalle unità cinofile antidroga, guidate dal Coordinatore del Reparto Colloqui e dal Comandante F.F. dell’Istituto di Velletri.
Durante i controlli, i due cani del nucleo cinofili hanno segnalato la presenza di sostanza stupefacente dapprima nella porta carraia dell’Istituto e poi in un cassetto portaoggetti in uso ad un familiare che stava per essere ammesso al colloquio famiglia.
L’operazione ha impedito l’introduzione in Istituto di hashish e cocaina, in minor quantità.
Il SAPPE - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria - ha immediatamente chiesto al Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria di programmare una maggiore operatività del nucleo cinofili, al fine di stroncare la piaga dell’introduzione di sostanze stupefacenti che da tanti danni creano problemi all’interno delle carceri.