www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/07/2013  -  stampato il 03/12/2016


Il Presidente della Camera Boldirni visita Regina Coeli, Sappe: la prossima volta senza preavviso

''Un plauso ed un ringraziamento particolare alla visita del Presidente della Camera, Laura Boldrini, presso il carcere romano di Regina Coeli, per l'attenzione mostrata alla grave emergenza delle carceri italiane''. Lo dichiarano Donato Capece e Giovanni Passaro, rispettivamente Segretario Generale e Segretario Provinciale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe (il piu' rappresentativo della categoria), che hanno segnalato ''la grave carenza di organico del Corpo di Polizia Penitenziaria che determina una condizione detentiva al limite dei dettami costituzionali''.

''Certo, per il futuro, sarebbe auspicabile che le alte cariche dello Stato visitassero gli istituti penitenziari senza darne preavviso, per percepire la realta' della vita detentiva. In particolare, non e' apparso il quotidiano rapporto di 1 a 200, tra poliziotto penitenziario e detenuto, dove il personale e' costretto a turni di servizio anche di 24 ore per garantire la sicurezza di Regina Coeli che attualmente ospita 1.011 detenuti a fronte di una capienza di 725 posti'', sottolineano.

''La realta' penitenziaria che si vive e' insostenibile, le condizioni di lavoro sono disumane e l'evoluto ordinamento penitenziario e' divenuto impraticabile. Pertanto, e' ora che la politica intervenga seriamente per il ripristino dei valori sanciti nella Carta Costituzionale. Perche' anche la politica abbia cognizione - conclude Passaro - del duro lavoro della Polizia Penitenziaria al servizio del Paese''. (foto twitter.com/lauraboldrini)

asca.it