www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/07/2013  -  stampato il 10/12/2016


Movimento Cinque Stelle denuncia: su carcere di Bolzano tre speculazioni in atto!

Nuovo carcere di Bolzano, dubbi sui vari pasaggi che hanno portato alla decisione di costruirlo con il project financing.

Speculazione iniziale
l terreno del carcere di Bolzano è stato acquistato per metà al Gruppo Podini e per metà all'impresa Rauch, tramite la Landwirtschaftliche Gesellschaft Landkast SRL. Proprietà acquisita con un preliminare di vendita al prezzo di 255 euro al mq. nel 2008 (quando già si sapeva dove sarebbe stato realizzato il carcere).I contratti definitivi sono stipulati il 13-09-2011. Il prezzo finale di vendita 10.831.904 euro.
Il valore d'esproprio pagato dalla Provincia è di 15.800.00 euro. Il guadagno speculativo della società che fa capo a Podini e Rauch ammonta così a 5.000.000 di euro.
Un guadagno del 50% in meno di un anno. La Provincia conosceva benissimo l'entità della speculazione. Si chiede come ha potuto permetterla!!
La pratica dell'esproprio è finita in Tribunale grazie a un ricorso. Di questi tempi non rimane che sperare nella magistratura
Oltre ai 15.800.000 euro, la Provincia sborserà altri 63 milioni di euro per finanziare l'opera. In cambio otterrà il vecchio carcere con l'area edilizia connessa.

Il project financing
L'esempio di progetto pubblico - privato per il carcere viene dagli Stati Uniti e la nostra Provincia è la prima a metterlo in pratica.
La seconda fase speculativa: la provincia paga. Ai privati sono garantiti i profitti per 20 anni di conduzione della struttura penitenziaria.
La stessa società di Podini e Rauch : Landwirtschaftliche Gesellschaft Landkast
prevede nel suo oggetto sociale: "..la gestione di beni immobili propri e di terzi". Privati sono gli amministratori, privati gli psicologi, privata è la gestione della cucina, delle pulizie e di tutto il resto.
Il privato cercherà, come negli Stati Uniti o forse più, di massificare il profitto. Operazione che di solito cozza contro la qualità, specialmente quando si hanno buoni appoggi politici con scarsi controlli. La gestione del carcere ai privati va contro la logica del fine. La cosa pubblica al pubblico, la cosa privata al privato. Il rischio speculativo favorisce: paghe basse, merci e cibo a basso costo, subappalti, ecc.

Speculazione edilizia finale
Il ricavo per la Provincia sarà la proprietà del complesso del vecchio carcere. Altre spese per smantellare gli edifici e bonificare il terreno e poi la la ricostruzione. E qui la grande speculazione troverà pane per i suoi denti. La posizione fronte passeggiate offre, nonostante la crisi, ottime opportunità.

A facilitare le cose ci penserà la solita politica e a pagare le spese sempre i soliti.

www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/bolzano/2013/07/carcere-di-bolzano---tre-speculazioni-insieme.html

A Bolzano il primo carcere in project financing: pronto per il 2016