www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 26/07/2013  -  stampato il 04/12/2016


Lamezia Terme: 65 arresti per associazione mafiosa tra politici, avvocati poliziotti penitenziari

Una operazione della Polizia di Catanzaro e' in corso a Lamezia Terme per l'arresto di 65 persone. Tra gli indagati e gli arrestati ci sono anche politici, imprenditori, avvocati, medici e appartenenti alla Polizia Penitenziaria.
Con gli arresti, dicono gli investigatori, saranno annientate le cosche di Lamezia. A numerosi arrestati, oltre al reato di associazione mafiosa, sono stati contestati diversi omicidi verificatisi in una guerra di mafia svoltasi tra il 2005 ed il 2011.

'Ndrangheta: arresti; truffe assicurazioni per acquisto armi La cosca Giampa' di Lamezia Terme, per finanziare gli acquisti di armi e stupefacenti, nonche' per garantire il pagamento degli stipendi agli affiliati, aveva creato un vorticoso sistema di truffe assicurative, avvalendosi della collaborazione di un gruppo composto da assicuratori, periti, carrozzieri, medici e avvocati. E' quanto emerso dalle indagini della Polizia di Stato, che stamani hanno portato all'arresto di 65 persone. Dalle indagini e' emerso anche che dal sistema-truffe arrivavano nelle casse della cosca, ogni anno, milioni di euro, di cui beneficiavano anche i professionisti che concorrevano con la cosca.

'Ndrangheta: arresti; indagato in liberta' politico nazionale Bloccato ex consigliere provinciale Catanzaro - Un politico della provincia di Catanzaro di livello nazionale, del quale non e' stato ancora fatto il nome, e' indagato nell'ambito dell'inchiesta Perseo della Dda di Catanzaro che stamani ha portato all'arresto, a Lamezia Terme, di 65 persone. Tra gli arrestati figura l'ex consigliere provinciale e attuale vice presidente della Sacal, la societa' di gestione dell'aeroporto lametino, Gianpaolo Bevilacqua, del Pdl.

'Ndrangheta:arresti;a legale contestato voto scambio mafioso - Ad uno degli avvocati arrestati stamani nell'ambito dell'inchiesta Perseo coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dalla Polizia, e' stato contestato anche lo scambio elettorale politico-mafioso. Secondo l'accusa, il legale avrebbe finanziato la cosca Giampa' di Lamezia Terme attraverso un suo autorevole referente per ottenere voti alle elezioni amministrative del Comune di Lamezia Terme del 2010.

'NDRANGHETA: BLITZ POLIZIA CATANZARO, 65 ARRESTATI TRA CUI POLITICI E AVVOCATI - E' in corso una vasta operazione antimafia della polizia di Catanzaro, con la quale saranno annientate le cosche di Lamezia Terme (Catanzaro). Sessantacinque le persone colpite da arresti. Tra gli indagati e gli arrestati anche numerosi politici, imprenditori, avvocati, medici e appartenenti alla Polizia Penitenziaria. A numerosi arrestati, oltre al reato di associazione mafiosa, sono stati contestati diversi omicidi verificatisi in una cruenta guerra di mafia svoltasi tra il 2005 ed il 2011 in Lamezia Terme nonche' diverse centinaia di episodi estorsivi nei confronti di attivita' imprenditoriali e commerciali. Ulteriori dettagli saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terra' in Questura alle ore 11.30.

'NDRANGHETA: BLITZ CATANZARO, TRUFFE ASSICURATIVE PER FINANZIARE ACQUISTO ARMI - La cosca Giampa' per finanziare gli acquisti di armi e stupefacenti, nonche' per garantire il pagamento degli stipendi ai numerosi affiliati, aveva creato un vorticoso sistema di truffe assicurative avvalendosi della collaborazione di un gruppo composto da assicuratori, periti, carrozzieri, medici e avvocati, tutti arrestati dalla polizia. E' quanto emerso nel corso delle indagini dell'operazione antimafia effettuata dagli agenti di Catanzaro sul territorio di Lamezia Terme. Dalle indagini e' emerso che dal sistema-truffe arrivavano nelle casse della cosca, ogni anno, milioni di euro di cui beneficiavano anche i professionisti che concorrevano con la cosca.

mnews.it