www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/07/2013  -  stampato il 11/12/2016


Evasione di pił di mille detenuti dal carcere di Bengasi: Polizia riceve l'ordine di non sparare

Evasione dal carcere: si scatena una rivolta in carcere e più di mille detenuti prendono la fuga.

Piu' di mille detenuti sono fuggiti da un carcere a Bengasi. Lo hanno reso noto i servizi di sicurezza. Secondo la fonte, la maggior parte dei prigionieri fuggiti erano detenuti per reati comuni e sono riusciti a evadere dopo che era stata scatenata una rivolta. "C'e' stata una sommossa all'interno del carcere di Al-Kuifiya - ha detto un responsabile dei servizi di sicurezza chiedendo l'anonimato - e contemporaneamente c'e' stato un attacco dall'esterno. Piu' di mille prigionieri hanno potuto fuggire. Le forze speciali fatte arrivare avevano comunque ricevuto l'ordine di non sparare sui carcerati''. Bengasi e' situata nell'est del Paese e nel 2011 e' stata la culla della rivolta contro l'allora leader Muhammar Gheddafi.

Assaltate sedi Fratelli musulmani - Le sedi dei due principali partiti politici in Libia sono state saccheggiate da centinaia di manifestanti. A Bengasi e Tripoli sono stati presi d'assalto i locali del braccio politico dei Fratelli musulmani libici. I manifestanti accusano il partito di essere dietro l'assassinio di al-Mesmari, avvocato e militante politico ucciso ieri. Proteste e slogan anche contro il fronte opposto, i liberali dell'Alleanza delle forze nazionali, che hanno vinto le elezioni dell'anno scorso.

Avvocato ucciso; Tripoli chiude frontiera con Egitto - Il primo ministro libico Ali Zeidan ha annunciato oggi la chiusura delle frontiere terrestri con l'Egitto per impedire di lasciare il Paese - questa la motivazione ufficiale - ai responsabili dell'uccisione, ieri, dell'avvocato e militante politico ostile ai Fratelli Musulmani, Abdessalem al-Mesmari. L'omicidio era avvenuto a Bengasi. Zeidan ha precisato che sara' reso possibile l'attraversamento della frontiera solo alle merci. In ogni caso, ha aggiunto, ''al Cairo sara' comunicata una lista di persone sospette perche', se trovate, vengano arrestate ... E abbiamo anche chiesto un gruppo d'inchiesta internazionale''.

ANSA