www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/09/2013  -  stampato il 04/12/2016


L'Agente Scelto Sergio Fattorello entra tra i top ten del tiro a volo italiano

L’agente scelto Sergio Fattorello, atleta del gruppo sportivo “Fiamme Azzurre” della Polizia Penitenziaria, conquista la categoria di eccellenza del tiro al volo italiano nella disciplina olimpica del Trap.

Sui campi della società di tiro al volo “Belvedere” di Uboldo, della provincia di Varese, si è svoltala gara finale del campionato Fitav di Prima Categoria svoltasi nello scorso fine settimana e valevole per il passaggio alla categoria superiore di Eccellenza, la serie “A” del tiro al volo italiano. Centocinquanta tra i migliori tiratori italiani finalisti del campionato di Prima Categoria si sono cimentati in questa difficile disciplina della Fossa Olimpica portando a termine la gara finale disputata su cinque serie di 25 bersagli ognuna per un totale di 125 piattelli.

L’atleta avellinese giunto in finale con un percorso esemplare nel campionato Fitav con diverse gare svolte in giro per l’Italia, ha effettuato un ottimo risultato tecnico di 116/25 con una sequenza di centri di tutto rispetto: 25/25 – 23/25 – 23/25 – 23/25 – 23/25 nella gara finale che gli hanno consentito di qualificarsi per l’ambita categoria. Il giovane Sergio Fattorello dopo un percorso sportivo nel tiro al volo nazionale pieno di ottimi risultati e pluricampione italiano nelle diverse categorie, conquista la massima categoria del tiro al volo quale quello di eccellenza.

L’atleta delle “Fiamme Azzurre” entra a far parte di quella top ten dei migliori tiratori italiani di fossa Olimpica, di interesse nazionale, come altri atleti della sezione tiro al volo delle Fiamme Azzurre che annovera tra le proprie fila grandi campioni della disciplina tra cui basta citare per tutti il campione dei campioni, il pluri-medagliato olimpico, numero uno del tiro al volo italiano Jonny Pellielo. Il gruppo sportivo Fiamme Azzurre del tiro al volo nel tempo ha vinto tutto quello che c’era da vincere sotto la guida tecnica del mister Pietro Aloi Ispettore Superiore del Corpo della Polizia Penitenziaria e dell’insuperabile Commissario Capo Marcello Tolu.

ottopagine.net