www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 13/09/2013  -  stampato il 08/12/2016


Carceri dipinte di rosa per attenuare l'aggressività dei detenuti: succede in Svizzera

"Cool Down Pink" è il nome del progetto lanciato dal sistema carcerario svizzero per tranquillizzare i detenuti più aggressivi. Il programma consiste nell'utilizzo di 30 celle dipinte di rosa in cui ruotare i prigionieri.

La psicologa Daniela Spath sembra essere molto soddisfatta dei primi risultati: i detenuti vengono ospitati nelle "pink cell" con turni da due ore e, come ha spiegato la dottoressa, "i livelli di rabbia si riducono sostanzialmente già nei primi 15 minuti". Come scrive il Telegraph, l'idea non è però una novità. Gli psicologi hanno infatti condotto numerosi esperimenti sull'effetto dei colori sull'uomo, e si ritiene che il rosa abbia un effetto "ammorbidente".

Una prova interessante della teoria è data dal calore dello spogliatoio degli ospiti del Kinnick Stadium in Iowa, impianto casalingo dell'University of Iowa, completamente dipinto di rosa per scaricare psicologicamente gli avversari. Anche nelle carceri era già stato utilizzato il colore con intento tranquillizzante. Nel 2006, infatti, un istituto texano aveva fornito ai detenuti delle divise interamente rosa per diminuire i rischi di risse.

9Colonne