www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/09/2013  -  stampato il 06/12/2016


Flop della Vigilanza dinamica ideata dal DAP: il carcere di Aosta ci ripensa

La "vigilanza dinamica" proposta dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) e testata nella casa circondariale di Brissogne è stata un flop. Lo afferma il Sappe riferendo che la sperimentazione nel carcere valdostano, attivata nella sezione detentiva A, è stata abolita da lunedì scorso. "Troppi pestaggi tra detenuti" dice il sindacato.

La particolare forma di vigilanza permetteva ai detenuti condannanti a pene inferiori ai 18 mesi di trascorrere più tempo fuori dalle celle per dedicarsi ad attività formative, lavorative o culturali per mitigare le problematiche del sovraffollamento carcerario almeno in orario diurno.

Dure le considerazioni del segretario generale del Sappe, Donato Capece: "l'amministrazione penitenziaria - afferma - sembra vivere in una realtà virtuale e non si rende evidentemente conto della drammaticità del momento che costringe le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria a condizioni di lavoro sempre più difficili". "Anche il provvedimento governativo cosiddetto svuota-carceri (...) non sta cambiando proprio nulla" aggiunge Capece. "Il dato oggettivo è che il carcere, così come è strutturato e concepito oggi, non funziona" conclude il segretario generale del Sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria.

aostaoggi.it