www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/09/2013  -  stampato il 05/12/2016


Strage di Via d'Amelio: tirato in ballo l'ex Capo DAP Giovanni Tinebra

Uno scoop soffocato, un'indagine contorta che si rivelerà poi un gigantesco depistaggio, un pentito che si pente di essersi pentito e una sua intervista cancellata per seppellire ogni prova. Anche così hanno deviato l'inchiesta sull'uccisione del procuratore Paolo Borsellino.

E per "legge" l'hanno incanalata su una falsa pista. I misteri sulla strage di via D'Amelio non finiscono mai. E adesso si scopre che diciotto anni fa la magistratura aveva ordinato di far sparire una registrazione televisiva - con un provvedimento di sequestro - sulla prima ritrattazione del famigerato Vincenzo Scarantino, il finto collaboratore di giustizia che si era autoccusato del massacro offrendo un'ingannatrice ricostruzione del massacro e indicando come suoi complici sette innocenti. Tutto su suggerimento di uomini di apparati dello Stato. Dopo le sue confessioni, Vincenzo Scarantino aveva subito fatto marcia indietro affidando alle telecamere di Studio Aperto la sua verità.

La procura di Caltanissetta ha deciso nel 1995 che quella verità non poteva diventare pubblica e, subito dopo la messa in onda dell'intervista, ne ha imposto la distruzione dagli archivi e perfino dai server. Quell'intervista non doveva più esistere. E così è stato, almeno ufficialmente. Perché qualcuno, probabilmente un tecnico disubbidiente, ne ha conservato una copia - invano cercata dai pm, che oggi indagano sulle indagini e che hanno smascherato il depistaggio della vecchia inchiesta - di cui Repubblica è entrata in possesso.

Basta ascoltare la voce di Scarantino per capire che lui aveva già detto tutto, tutto quello che si sarebbe scoperto quasi vent'anni dopo. Ma nulla si doveva sapere allora, c'era solo una verità da far emergere: Vincenzo Scarantino colpevole. I pm di Caltanissetta di oggi stanno ancora indagando su ciò che è accaduto - chi ha taroccato l'inchiesta fin dai primi passi, perché - ma nei loro archivi non hanno trovato neanche il fascicolo originale del sequestro di quella video- cassetta. Scomparso anche quello.

Adesso vi raccontiamo nei dettagli questa vicenda, precisandovi che la video cassetta recuperata (e che potete trovare su Repubblica.it) contiene solo una parte dell'intervista concessa da Scarantino. È lunga quasi tre minuti. La versione integrale non esiste più. Ma in quei tre minuti trasmessi vent'anni fa e mai più riproposti il falso pentito dice tutto.

E tutto è cominciato il 26 luglio 1995, tre anni dopo la morte di Paolo Borsellino. Il mafioso che si era autoaccusato della strage telefona alla redazione di Studio Aperto a Palermo. Per la prima volta ammette di essersi inventato ogni dettaglio sull'autobomba, di avere fatto nomi di uomini innocenti dopo le torture subite nel supercarcere di Pianosa. Passano poche ore e, negli studi della redazione di Italia Uno, arriva la polizia e sequestra tutte le cassette con l'intervista di Scarantino. Il provvedimento è firmato dalla procura di Caltanissetta.

L'ordine è quello di cancellarla da tutti i computer, a Palermo e a Milano. Il falso pentito - subito dopo il servizio televisivo - viene raggiunto dai magistrati di Caltanissetta che lo convincono a ritrattare la ritrattazione. È la svolta dell'inchiesta sulla strage di via Mariano D'Amelio. La procura, il capo è Giovanni Tinebra, mette il sigillo sull'autenticità delle rivelazioni false di Scarantino. Per più di quindici anni il "caso" viene dimenticato, fino a quando appare sulla scena un nuovo pentito - Gaspare Spatuzza - che smentisce Scarantino e racconta che ad organizzare la strage era stato lui e non l'altro.

Nell'autunno del 2010 la revisione del processo e la scarcerazione di sette imputati, ingiustamente condannati all'ergastolo. Poi, qualche giorno fa, anche la registrazione dell'intervista a Scarantino è ricomparsa. Ecco cosa diceva il 26 luglio del 1995 al giornalista Angelo Mangano: "Ho deciso di dire tutta la verità e di non collaborare più perché ho detto tutte bugie. Io sono innocente...Non è vero niente, sono tutti articoli che ho letto sui giornali, e ho inventato tutte queste cose. Il giornalista gli chiede se gli uomini che lui ha accusato sono innocenti, Scarantino risponde: "Tutti, tutti, tutti...".

Poi, in una seconda parte dell'intervista - uno spezzone andato in onda il giorno dopo, il 27 luglio - il falso pentito comincia a parlare delle torture subite in carcere: "A me a Pianosa mi fanno urinare sangue. A me facevano delle punture di penicillina, mi stavano facendo morire a Pianosa... ma voglio tornare in carcere... mi fanno morire in carcere, però morirò con la coscienza a posto".

Scarantino fa anche un nome nell'intervista (che però non è andato in onda) e lo rivela oggi Angelo Mangano: "Gli chiesi: "Chi le ha fatto urinare sangue? Mi rispose: il dottore La Barbera"". Arnaldo La Barbera, il capo della squadra mobile di Palermo che l'attuale procura di Caltanissetta considera il principale responsabile della gigantesca montatura che è stata l'inchiesta sulla strage di via D'Amelio. I retroscena di quell'intervista ce li racconta Mangano: "Nacque in modo del tutto casuale. La mattina del 26 luglio 1995 si era avuta notizia da ambienti giudiziari di una ritrattazione di Scarantino, decisi dunque di andare a casa della madre, alla Guadagna. La signora mi fece sentire una registrazione in cui il figlio ritirava le accuse, una registrazione che si sentiva male. Diedi allora il mio numero alla signora, e neanche un'ora dopo fu Vincenzo Scarantino a chiamarmi".

Qualche mese prima si era già concluso il primo processo per la strage Borsellino, con la condanna del falso testimone a 18 anni e con l'ergastolo per i complici che aveva indicato. Due giorni dopo l'intervista e il sequestro della cassetta, Scarantino decise di fare il pentito in un verbale firmato davanti al sostituto procuratore di Caltanissetta Carmelo Petralia. Poi le indagini proseguirono su una falsa pista.

E la procura di Caltanissetta aprì addirittura un'inchiesta "per accertare eventuali comportamenti illeciti per convincere Scarantino a ritrattare". Seguì una nota ufficiale dei pm per definire "grave il comportamento della madre di Scarantino e di quanti hanno strumentalizzato un comprensibile desiderio d'affetto per fini processuali". Il "colpevole" era stato trovato, non ce ne dovevano essere altri. Quella era la verità sull'uccisione del procuratore Paolo Borsellino. Ufficiale e falsa.

La Repubblica